Testi inediti vincitori 2014

testi vincitori XV CONCORSO GUIDO GOZZANO

SEZIONE B

GIACOMO VIT – DONGIA LA FABRICA BANDONADA

La ploia, cun claus di freit,

a cola plan planc tal tet

da la fabrica bandonada…

Urtìis a si fan sdrondenà

dal vint, insiemit a tocs

di vèris, intal curtil

in duà che a si ingrumàvin

operaris…

Jo e te, nus di peraulis,

e cun t’un lamint insoteràt,

a recuardà discors, sbrèndui

di vita, furmiès di storiis…

E dopu che la ploia

a ni à dismolàt intal ciaf

dut il sporc ch’al era stat pocàt

ta li’ nulis in chis’cius ains

ch’i no sin stas boins

di capì, i si domandìn

se ch’i ghi contarìn stasera

ai nustris fiis, e parsèche no vin

vut il coragiu di zì a nissulassi

tal traf pì alt da la fabrica

bandonada…

NEI PRESSI DELLA FABBRICA ABBANDONATA. La pioggia, / con chiodi di freddo,

/scende pian piano sul tetto / della fabbrica abbandonata… // Ortiche si lasciano scuotere /

dal vento, insieme a frammenti / di vetro, sul cortile / dove si raggruppavano / operai… // Io

e te, nudi di parole, / e con un lamento seppellito, / a rievocare discorsi, brandelli / di vita,

formicolio di storie… // E dopo che la pioggia / ci ha scaricato sulla testa / tutta la

sporcizia che era stata sospinta / dentro le nuvole in questi anni / che non siamo stati in

grado / di comprendere, / ci chiediamo / cosa racconteremo questa sera / ai nostri figli, e

perché non abbiamo / trovato il coraggio di andare a dondolarci / nella trave più alta della

fabbrica / abbandonata…

CINZIA DEMI – MANDAMI ANCORA UN ABBRACCIO

Nello spazio tra l’onda e lo scoglio

nel minuto esatto che passa

dal rinfrangersi del mio ricordo

al tuffo malioso della sera

mentre provo a fermarti con la mano

fissa il mio tempo nel riflesso del faro

al tuo profumo di alga bagnata

laggiù nella punta protesa sul canale

dove tendi le tue braccia all’isola

che non si allontana se la discesa

un po’ frena nel levigato dirupo

pensa che non può essere

solo nostalgia dell’età che è finita

pensa che la strada che porta a te

è una sola e solo si affronta per te

ci si deve venire a vederti

ci si deve venire a capire

quanto conta la tua impronta

quanto rimane dell’essere nati con te

e invidiare il gabbiano che si posa

sul marmo del tuo liminare

che estende le ali per circumnavigare

da scoglio a scoglio la tua deriva

sono viva in questa piazza che

non è più la mia e nell’ondeggio

delle barche in ormeggio al Porticciolo

di Marina trovano culla tutte le volte

dei mancati approdi dei luoghi dove

non sono stata dove la prua si è arenata

non tornare più magari ci provo

a lasciar scivolare quest’acqua di sale

nel fondale dei giorni già nuovi

a issare le vele e a volare

a trovare casa lontano

dal tuo maestrale a non salutare

quel sole che rende

il tuo manto prezioso eppure

ti penso e nel tuo nome

sepolto sotto agavi in fiore

miele di fico e belle di notte

ritrovo le rotte del mio camminare.

ROBERTO BORGHETTI – ORANIENBURG – DENTRO BERLINO


Là dove ancora sono solchi
e questa folla che infastidisce
i colpi a trafiggere l’aria
le urla sorde nei cortili
tra atelier e fiori alle finestre.

Quale forma aveva il dolore
scialbato sul freddo cemento?
Sospettare l’esistenza della morte

capolino di volti da dietro i portoni

e la città si indovina appena.

L’aria qui è preziosa

non merita di essere respirata

segreti di madri e figli

appena svoltato ogni angolo.

Restano brandelli di calce

come ingrigiti graffiti

i sorrisi ancora impressi

nel bianconero dei murales.

Poi la corsa impazzita
di scalzi bambini
proprio qui
dove scende il metrò

memoria di una raffica.

FRANCESCO PAOLO GAMBINO MARGOTTE

Anch’io non ho colto la fragranza dei

tulipani, una volta che si ergevano dalle

terrazze bugnate, di donne feconde alle

persiane, nell’attesa di un capriccio di

vita.

Bussavo ai campanelli, fregiati dei portoni,

dicendo “questa è vostra!”, per poi centellinare

un sorso di moscato , o semplice tabacco

spezzato tra le dita.

La polvere, una notte, la polvere da un

camino, mi venne a risvegliare, dal letto

già caduto in stoffe di sogni allegri.

La donna che provava a ribattere il

suo gelo, era alta ed educata, rapita

in un lenzuolo di pizzi biancheggiati.

Mi trasferii da lei, provando a immaginare

il seno tanto esposto, ai freddi dell’inverno,

al vento più scomposto.

E la riuscii ad amare. Per una notte sgombra

di altre sensazioni, se non quelle affiorate

dal volto suo posato, che mi scavava

incerto, portando un dito avanti, e l’altro

in fondo al petto.

CAMILLA EMILI – I POETI , SE LO SONO

I poeti, se lo sono,

stanno male.

E’ sul campo, cosa credi,

che si staccano dal ventre

le parole che ora vedi

sulla carta, a galleggiare.

Io li osservo quando posso

straliciando un po’ lo sguardo.

Io ne frugo quel dolore

che suppura fistoloso.

Corpo a corpo che li sfianca,

lascia righe sulla carne.

La poesia resta nei palmi,

uncinata e trasparente,

come i peli dei fichidindia.

Espulsione placentare,

è già vecchia, non soddisfa.

Io li vedo camminare,

puoi scambiarli per chiunque

i poeti, quelli veri,

fanno vite di tempesta.

Vibrazione di binario

a chilometri lontano,

si avvicinano le strofe

come ferro che dilata.

Stan legati sui binari

e li pagano gli accapo e le rime

molto cari.

GABRIELLA MUSETTI – HO VISTO UNA BAMBINA….

Ho visto una bambina che giocava

a palla – tra le siepi

rincorreva incerta quella

sfera sempre più in là. Sopra la panchina

un giornale spiegazzato

traccia di passati convegni

ora è rifugio di un piccione

malandato. Zoppica becchetta straccia

la carta arrendevole – in un gioco

senza senso

che utile ne avrà?

Lo sforzo di un’azione – dicono

si deve misurare al risultato

soltanto quella meta sembra degna

e market strade grandiosi palazzi

concentrano l’economia

sono un animale cittadino

di segno femminile

la linea del tramonto

attraversa l’aria porporina

se tardo un poco la sera

m’inquieta la paura

non serve attraversare la savana

qualcuno ha detto : la città è pietra focaia.

SEZIONE C – SILLOGE INEDITA

FULVIO SEGATO – Lassime star qua distirado (Lasciami stare qui disteso)

Lassime sta qua distirado

con nei oci fili de erba che i sponzi

col capel de nuvole scure

lassime in ‘sto leto distirado

che ‘l tien ‘ncora un poco del tiepido

dele impronte dei piei e vardo

un pergolo che se sburta

sul cortil e fa un poco de ombra

– e lassa

che se disfi tuta la materia

e anche che se s’ciodi le prue

dele barche e che se sfilazi

i canapi che le tien a riva,

lassa che se scurissi i matoni

che i diventi come scorze de

naranze vece, che diventi

cussì ‘ste case, come le fabriche

distudade de ani che te vedi

in fondo, che no xe monumenti

ma solo ricordi veci,

come i zighi dele rondini

che le xe sparide dopo gaver girà

torno el campanil,

zigando le xe ‘ndade.

Ma vien vizin,

semo come i cani che speta

davanti ‘na porta che i sa

no la vegherà mai verta,

e i poza la testa fra le zate,

i te varda e no’i vol più gnente,

o meio come le acacie o

i castagni che i se difendi

ingropandose coi rami e sburtando

più in fondo le radise.

Lasciami stare qui disteso / con negli occhi i fili d’erba che pungono / con il cappello di

nuvole scure/ lasciami in questo letto disteso/ che trattiene ancora un poco il tiepido/

delle impronte dei piedi e guardo / un balcone che si spinge / sul cortile e fa un po’

d’ombra / e lascia/ che si disfi tutta la materia/ e anche che si schiodino le prue / delle

barche e si sfilaccino / i canapi che le tengono a riva, / lascia che si scuriscano i

mattoni/ che diventino come scorze di / arance vecchie, che diventino / così queste

case, come le fabbriche / spente da anni che vedi / in fondo, che non sono monumenti /

ma solo ricordi vecchi / come i gridi delle rondini / che sono sparite dopo aver girato/

attorno al campanile / urlando sono andate/ / Ma vieni vicino / siamo come i cani che

aspettano / davanti a una porta che sanno / non verrà mai aperta / e appoggiano la

testa fra le zampe / ti guardano e non vogliono più niente / o meglio come le acacie o / i

castagni che si difendono / annodandosi con i rami e spingendo / più in fondo le radici.

PATRIZIA SARDISCO – Nt’on mari senza Sali (In un mare senza sale)

Quannu ‘i to’ cianchi scioti sciddicavanu

Nto mari ranni senza costa e scogghiu,

E nenti avìa e nenti addisiàvi

Quannu cu ‘i manu ‘i pisci ti circava

A facci pi canùsciti di fora,

E nenti tu sapìa e nenti era

Quannu cu ‘i pedi ‘i pisci tu currìa

E mancu t’a fidavi a caminari

Tannu era lustru d’acqua

Era sonnu sunnatu

Era na furma ‘i latti

Tu era pasciutu e saziu

Nt’on mari senza sali

Un ti scantav’ a jiri

E ‘u suli nto me cori

T’addummisciva l’occhi

In un mare senza sale

Quando i tuoi fianchi sciolti scivolavano/nel mare grande senza costa e scoglio

/e nulla avevi e nulla desideravi/Quando con le mani di pesce ti cercavi/

il volto per conoscerti da fuori/e nulla tu sapevi e nulla eri/

Quando con i piedi di pesce tu correvi/e non sapevi neppure camminare/

allora eri luce d’acqua/eri sogno sognato/eri una forma di latte/

Tu eri pasciuto e sazio/In un mare senza sale/Non temevi di andare/

Il sole nel mio cuore/Ti addormentava gli occhi

GIANLUCA MORO

Cashmere

Sei la terra che non abbandono. Sei scritta con tessuti

lontani, e pascoli che non conosco,

ci eravamo sdraiati troppo tempo fa

prima di nascere

quando il tuo odore era quello della polvere

cosmica, e il mio la paglia dei miei

capelli emersi dal terriccio,

ai quali si attaccarono la testa, poi

il collo e tutto il resto

del movimento.

Sei l’incesto tra la lana e il cotone

tra animale e vegetale

ogni forma cresce dentro di te:

dalla bocca puoi sputare fuoco o fiori,

e se non hai spazio per toglierti il maglione

tienilo stretto, scivolerò sotto in altro

modo, in altra stagione, quando fa troppo

freddo per qualsiasi metafora, o paragone.

BENITO GALILEA

Da “Cuntu du pocu, du tantu, du nenti”

E’ GIUSTU

Ndaju ragiuni u mi ncazzu senza nuju cavaju

e mancu rumbuli, né na gnicchja d’amuri.

Mi risbigghiu ogni jornu cu suli mpaccia

e la palumbeja sup’a cima ‘o carrubbu:

ammagatu maju sup’ a coppula ad’umbreju.

I mari a mari mi spingiu luntanu

cu sti remi mpurruti nta barchi ammucciati:

cogghju petruji nta maccatureja i linu,

potihi du vinu sutt” a hjumari i petri.

Grecu i sangu, menzu latinu o forzi saracinu,

sempi cuntrariu all’arti di saputi nuju,

‘a lectio mericana non fu attru ca na corda

pronta u si stocca tra l’Oceanu e u Jonio.

U stracu di troiani mpundu ‘o mari

accuppa u poeta cu dialettu a radici,

a nu passu du tempu chi tuttu agghiutti,

na vuci arrahata ch’esti ferma nto cori.

Dinnu ca non pozzu imitari l’uguali,

cusì mi trovu u cani i nu latu du tram:

l’umrellu lampru nta na nottata i stiji

e comu pacciu arridu sutt”e lampiuni.

E’ GIUSTO

E’ giusto se mi dispero senza un cavallo / né praterie, né fuscello di grande amore.

Mi sveglio ogni giorno col sole in fronte / e la colomba in cima al carrubo:

maggio stupito sul berretto ad ombrello.

Di mare in mare mi spingo lontano / con questi remi tarlati in barcacce di frodo :

colgo pietruzze in panni di lino, / le botteghe di vino sotto fiumare di sassi.

Greco di sangue, mezzo latino o forse / di lingua, sempre difforme dalle voci elette,

la lectio d’America non fu altro che una fune / pronta a scoppiare tra Oceano e Jonio.

Il coccio dei troiani dal fondo del mare / mima il poeta dal dialetto a radice,

ad un passo dal tempo che tutto divora, / in un’atona voce che sta ferma sul cuore.

Mi viene vietato di mimare l’uguale, / così ritrovo il cane ai lati di un tram :

apro l’ombrello nella notte stellata / e rido demente sotto qualche lampione.

STEFANO BOLOGNESI

Da “ Motel California”

Assomigliano a catacombe

certi motel, ci si sposa la gente

a ore nei giorni feriali si giura

l’eterno dei sotterfugi, l’aria

uguale dei secoli, un modo

non c’è che il mondo di fuori

si insinui se non per vendetta

o per guasto e gli sguardi che

incroci lo sanno che sai che

alla luce del sole mai e il solo

a pararsi gli occhi è il portiere

– il riserbo, figlio dell’insonnia –

non chiede i cognomi non nota

il viavai, ti consegna la chiave

dell’eden a tempo e asceta

aspetta. Dal tufo del silenzio

poi tutti risalgono in prestito

all’ordine che spariglia.

FABRIZIO BREGOLI – LA TORTA DI STALIN

Non è per il tuo volto scuro, Riga,

che abbraccerai più stretto il buio,

reliquia d’estrema Europa, fervida

di rimpianti sulle spoglie del vento.

Scorre lo sguardo oltre aspre voci

e bancarelle di biechi mercati,

poche cianfrusaglie fra esauste grida.

Cresta armata di svettante cemento

tu fra candele capovolte e spente

precipita ombra sulle guance glabre

dove fu culto ed impero e mieti ora

lividi bargigli e giunti tramonti,

oblia nome e sorte, breve eccesso.

Questo ti confida il rostro del mare

quando scava banchine, scarno sole.

Ogni giorno scalpiccia, schiude ciglia

d’effigi cispose in serale questua,

tetti e nuvole, digiuno e silenzi.

Sciogli il nodo gordiano della storia,

stillane luce e tesa meridiana,

torchia inchiostro dal profilo ricurvo

del gatto che dà ordine al tuo cielo,

fanne erpice nella cantina sorda

del tuo cuore e fuggi, occhio o bufera,

l’alba di ghiaccio astuto giocoliere

dove s’arena il naviglio di tenebre

perché la cava nuca della notte

confonde presto il brivido del tempo.

GIOVANNI MANNA – OLTRE

Perfino la vecchia sedia del sacrestano sembrò vibrare di emozione.

Ciao, papà!” – a queste parole, pronunciate dal pulpito, il tempo sembrò arrestarsi.

Nella Chiesa di San Giorgio i fedeli si strinsero attorno ad un muro di silenzio assordante.

Ciao, papà!” – ripetuto una seconda volta, in maniera ancora più flebile della prima.

A quel funerale c’era tanta gente.

Ciao, papà!” – e poi le lacrime, a rigare il suo volto.

Giacomo Serrani, insegnante di matematica al Liceo Scientifico “Einstein”, aveva quarantasette anni ed una grande passione: la pittura. Abitava da solo, al terzo piano di un condominio nella periferia orientale di Roma. Era stato ritrovato esanime nel salotto di casa sua, in pigiama, non lontano dalla porta d’ingresso. La testa reclinata verso il basso, gli occhi sbarrati.

La casa era in perfetto ordine: la scrivania, con un paio di libri e alcuni compiti in classe da correggere; il tavolo della cucina con un vaso pieno di fiori al centro; la tv ancora accesa e un raccoglitore di plastica, accanto al divano, pieno zeppo di disegni.

Tutti firmati con una M.

Su un cavalletto, accanto alla scrivania, vi era una tela dove campeggiava lo schizzo a matita di una abitazione in aperta campagna, vicino a due alberi. Il sole era parzialmente oscurato da una nuvola capricciosa. Sulla destra, proprio accanto agli alberi, due soggetti prendevano forma: un bambino e una donna accanto a lui, presumibilmente sua madre.

Mano nella mano.

Il decesso aveva avuto luogo di notte, perché il portiere dichiarò di aver visto rincasare il Signor Serrani attorno alle ore ventidue. La mattina seguente, vista la sua assenza a scuola, dal Liceo “Einstein” avevano provato a telefonare. Nessuno aveva risposto.

L’autopsia accertò che si era trattato di un arresto cardiaco.

Ti voglio bene!” – con quello sguardo fermo, rivolto verso la bara.

Pochi passi. Un bacio sull’estremità del legno. Una carezza. Per l’ultima volta.

Il ritorno mesto tra i banchi della Chiesa, in un silenzio rotto solo da singhiozzi inconsolabili.

Don Luigi chiese un momento di raccoglimento.

Nessuno ebbe il coraggio di aggiungere altro. Non ce n’era bisogno.

Le esequie terminarono con l’ultimo viaggio di Giacomo verso il cimitero, sorretto da amici, colleghi di lavoro e i suoi studenti.

Poi la folla, in silenzio, si diradò.

Così come Giulia e il piccolo Matteo.

Non avevano avuto figli, Giacomo Serrani e sua moglie Luisa, impiegata come cassiera in un supermercato. Un cammino di vita insieme, un percorso a quattro piedi, una luce d’amore sempre più forte, come in una splendida giornata di sole.

Poi, un giorno, iniziò a farsi tutto buio.

Prendere in mano il cellulare di Luisa si era rivelato più letale di un fendente in pieno volto.

La curiosità ingenua e spensierata di un marito. Una e-mail, più atroce di un pugno. Poi un’altra.

Lo stupore, l’incredulità. Altri messaggi, alcune fotografie. Una verità che ti lascia pietrificato.

Apparve così una terza persona, un fantasma in carne ed ossa gettato lì, nella tua vita.

Luisa aveva provato a smentire. Per un paio di giorni scese il gelo tra i due, prima della sua confessione. Aveva una relazione, da alcuni mesi, con un giornalista inglese, inviato della BBC.

Giacomo non sentì ragioni né ascoltò pentimenti di alcun tipo. Luisa, tornata a vivere con i suoi genitori, aveva provato in tutti i modi a chiedergli scusa. Andò più volte a bussare, anche nel cuore della notte, alla porta di casa Serrani, implorando in ginocchio suo marito di aprire e di ascoltarla.

Tutto inutile.

Giacomo aveva preso la sua scelta.

E non tornò mai indietro.

Non aveva fatto nemmeno in tempo a comunicare al suo compagno la gioia di essere in dolce attesa che lui aveva fatto subito perdere le sue tracce. Solo in un secondo momento, Giulia avrebbe saputo che il papà di suo figlio era andato a vivere con un’altra donna, in Polonia.

Era la cameriera dello stesso bar in cui lui lavorava.

Matteo non conobbe suo padre. Né mai sentì la sua voce.

E nemmeno quella di sua madre.

Mai una canzone, il suono del clacson, la voce della maestra, il ruggito di un leone o gli scherzi di un clown al circo. Un applauso, il cinguettio degli uccelli, un rimprovero, lo scorrere dell’acqua nella doccia o il suono del citofono.

Niente di tutto questo.

Matteo era sordo sin dalla nascita.

Percepiva bene però tutto l’amore di sua mamma e dei nonni.

Questo però lo aiutava ben poco a superare il mutismo con cui conviveva.

I disegni, per lui, erano la forma più diretta di comunicazione. Raccontavano i sogni, le paure, i passi incerti della sua crescita e tutti i problemi e le gioie di un bambino di otto anni e mezzo.

Comunicava a suon di matita.

Aveva cinque anni appena compiuti, la prima volta che prese in mano dei colori e un foglio. Realizzò qualcosa che assomigliava vagamente ad un arcobaleno, sgargiante di colori. Al centro, una palla rotonda e gialla da cui partivano strisce di luce intermittenti.

Corse da sua madre, regalandole un’emozione indescrivibile.

Da quel momento, ogni giorno Matteo realizzava almeno un disegno.

I soggetti erano puntualmente diversi: la spiaggia con gli ombrelloni, la sua classe, un aereo tra le nuvole, un cagnolino col suo padrone.

La maestra Katia, la sua preferita, gli aveva indicato di apporre una M su ognuno di questi.

Matteo, il giorno prima dell’inizio delle vacanze natalizie, le aveva regalato un disegno, il cui contenuto Katia non tardò a comunicare alla mamma. C’era un uomo vicino ad una donna probabilmente più giovane d’età e con i capelli lunghi. E poi un bimbo. Proprio in mezzo.

Giulia le aveva allora confidato, in tutta risposta, che da alcune settimane Matteo voleva recarsi, assieme a lei, a casa di un insegnante che abitava nel loro stesso condominio, due piani più giù.

Giocavano a scambiarsi dei disegni. Era il loro unico modo di comunicare.

E lei rimaneva per ore a guardarli, seduta sul divano accanto a loro.

Matteo vedeva negli occhi di Giacomo quelli di un papà.

Nei colori di quelle creazioni, le emozioni di un genitore.

Nei suoi gesti, un modello da seguire.

Giulia confidò alla maestra che Matteo era entusiasta di vedere quest’uomo disegnare; era felice di apprendere da lui sempre qualcosa di nuovo e giocare con i colori e con la fantasia. Condivise con lei il ricordo di quel giorno in cui l’ascensore del condominio era inutilizzabile per colpa di un guasto e, assieme a suo figlio, avevano dovuto salire a piedi. Cinque piani!

Con due buste della spesa e una cassa di acqua.

Matteo, un po’ per dispetto e un po’ per gioco, si era messo a suonare i campanelli delle abitazioni che vedeva praticamente per la prima volta in vita sua, abituato com’era ad usare l’ascensore.

Gli veniva facile divincolarsi da sua madre, intenta a portare a casa la spesa. Giulia lo prendeva per mano in modo deciso, facendogli capire che non era giusto creare disturbo. Qualcuno aprì la porta.

Una signora, sulla settantina, al secondo piano, arrivò anche a spazientirsi.

Anche al terzo piano Matteo bussò più e più volte.

Aprì la porta un uomo con un enorme grembiule variopinto, con le mani più colorate di un arcobaleno.

Giulia, col fiatone, si scusò a nome del figlio. Esausta.

Lui non fece nemmeno in tempo a tranquillizzarla che, più veloce di un felino, il bambino entrò dentro casa e rimase incantato da quella tela che stava prendendo forma e colore.

Giulia divenne paonazza in volto: non seppe quali espressioni aggiungere, per chiedere scusa per un simile comportamento. Il Signor Giacomo semplicemente sorrise.

Chiese al piccolo Matteo cosa ne pensasse di questo disegno.

Lui non rispose.

Non poteva rispondere.

Non aveva mai parlato, se non attraverso qualche suono indecifrabile.

Non si girò nemmeno verso il proprio interlocutore.

Giulia lo mise al corrente di tutto, ancora più imbarazzata per la situazione creatasi.

Con pochi tratti a matita su un piccolo foglio bianco, Giacomo creò un disegno semplice: un bambino che gioca in mezzo ad un campo di fiori.

Glielo diede in mano.

Lui sorrise.

E lo abbracciò.

Da quel giorno, Matteo volle andare a trovare quel signore così buono che ad ogni visita si premurava di regalargli un piccolo disegno.

A cui lui rispondeva con un altro.

Faceva caldo, quel giorno.

La Chiesa di San Giorgio era gremita.

Giulia portò suo figlio a dare l’estremo saluto a quell’uomo.

Si accomodarono al primo banco, nella navata di sinistra.

Matteo aveva realizzato cinque disegni colorati per Giacomo, quasi a sigillare un’amicizia che sarebbe rimasta eterna. Oltre la morte.

Oltre.

Percepiva, seppur filtrato dalla sua tenera età, il dolore. Per la prima volta nella sua vita.

Non sentiva nulla di ciò che Don Luigi diceva.

Ma capiva.

Uno studente del Liceo e un collega insegnante si erano avvicendati, sul pulpito, per ricordare quest’uomo scomparso prematuramente. Una persona mite, sempre disposta ad aiutare gli altri.

Un insegnante modello.

Matteo si alzò in piedi, fece pochi passi in avanti, fin sull’altare.

Prese in mano il microfono.

Fu un attimo.

Ma a Giulia sembrò eterno.

MARIA ADELAIDE RUBINI UNA MATTINA

Stamattina mi sono svegliata,ma non ho aperto subito gli occhi. Sono rimasta ferma nel letto a sentire i rumori della casa. Ho riconosciuto il cigolio della persiana che oscilla tra il gancio e il fermo – io non chiudo mai del tutto le persiane perché non sopporto proprio le finestre e le porte chiuse – . Ho sentito il rumore della caldaia e il ticchettio dell’orologio che ho sul comodino ,vecchio come una campana, vecchio come me. Fino a qualche anno fa riuscivo a sentire anche il rumore del frigorifero in cucina, ora non più. Il Padreterno ha voluto mantenermi in buono stato fino a oggi, fino a questi miei 85 anni e per questo sono molto, molto arrabbiata. Ma è una cosa tra me e lui, una faccenda di vecchia data che prima o poi risolveremo.

Ho aperto gli occhi e ho osservato la parete di fronte al mio letto, ho cercato di riconoscere qualche sagoma tra le ombre e i riflessi della luce. Lo facevo anche da bambina ,guardavo il soffitto attentamente e pian piano scoprivo strani contorni, profili di persone, animali, oggetti. Lentamente si aprivano davanti ai miei occhi paesaggi incredibili,scenografie fantastiche dove far sguazzare la fantasia.

Un’ ombra mi è sembrata un cappello con una piuma e mi è parso di vedere un drago sputa fuoco.

Mi sono alzata e ho deciso che oggi avrei mangiato la chitarra con le pallottine, fatta a mano con le uova fresche, come quella che faceva mia suocera. Ogni giorno decido di fare qualcosa di molto faticoso e impegnativo per la mia età,ogni giorno gli procuro diverse opportunità per farla finita con questa storia,ma fino adesso, ancora niente. Gli piace così. Se almeno mi facesse cadere per le scale o sbattere la testa, magari perderei la memoria, magari un dolore fisico molto forte riuscirebbe a distrarmi per un attimo, a far cessare per un po’ questa morsa di ghiaccio che mi stringe il cuore, lo stomaco, le viscere. Ma niente. Lui mi tiene così: piegata quasi ad angolo retto, incartapecorita come una mummia, ma lucida. Gli piace così. Da parte mia credo sia proprio un gran bastardo e glielo ripeto ogni giorno .Quando torno dal mercato, mi avvicino alla sua casa, non entro, resto fuori, nella piazzetta, appoggio il carrello della spesa, guardo il portone, il campanile e glielo dico .Lui mi ascolta, lo so che mi ascolta, ma non fa niente. Non ha mai fatto niente delle cose che gli ho chiesto. Un giorno ho anche raccolto un sasso e, controllando che non mi vedesse nessuno, l’ho tirato contro il portone della chiesa. Non voglio che mi vedano, perché non voglio essere commiserata: ”guarda la vecchia, non c’è più con la testa … dopo tutto quello che ha passato …è da capire! Poveretta.”

Sarebbe un punto di vantaggio per lui, la pietà, non la voglio la pietà, non c’è pietà, non ho pietà.

Quello che provo, dopo tanti anni di sofferenza è piuttosto una certa curiosità. Sì sono curiosa di sapere la ragione di tutto questo. Il perché. E per questo che non vedo l’ora d’incontrarlo,anche solo per un attimo per guardarlo negli occhi e chiedergli:” Perché?”

Sono uscita, ho sceso le scale bagnaticce, ho preso il carrello e sono andata verso la piazza del mercato. Una volta passavo per il mare, mi piaceva uscire presto al mattino. Mi piaceva camminare guardando il mare e il cielo e sentire quel soffice abbraccio di un giorno nuovo che inizia; salutare i pini marittimi, bellissimi, contorti dal vento ognuno con una forma diversa, e le palme, maestose, tutte uguali. E poi il mare che si unisce al cielo. Amavo lasciarmi avvolgere dalla luce e dall’odore del mare. Inconfondibile l’odore del mare; un misto tra un odore di conchiglie, di vento, di menta e di sale. Un odore che riconoscerei ovunque e che piaceva tanto anche a Carla. Ricordo che quando era bambina, una mattina raccogliemmo tante telline e le mettemmo nel suo secchiello per portarle a casa. In cucina lei rovesciò il secchiello nell’acquaio e iniziò a giocare con le conchiglie poi mi chiamò e mi disse:

mamma senti, vieni a sentire l’odore del mare!“

Mi guardava stupita, sorpresa che lo stesso odore che avevamo sentito sulla battigia mentre scavavamo nella sabbia per prendere le telline, fosse lì nel lavandino della cucina. Ricordo il suo sguardo meravigliato, così profondo, così pulito.

Ora per il mare non ci passo più da tanto. Ho paura di guardare il mare e il cielo e pensare di nuovo che sia tutto bellissimo. Sarebbe un tradimento, un’imperdonabile infedeltà al dolore, a questo dolore che mi consuma l’anima lentamente, inesorabilmente a questa solitudine cercata, voluta da tanti anni, perché? Perché una sofferenza così non si può condividere, non si può raccontare, la tengo dentro come un cancro, un cancro del cuore, è diventata la mia amica, la mia casa, la mia famiglia. Sopravvivere a tutti per ritrovarmi sola, stanca, vecchia e dolorante, sopravvivere a Carla e al suo bambino mai nato. Il padre di Carla è stato furbo e ha deciso di andarsene, di non soffrire più, di lasciare tutto il carico a me. Dopo 10 anni dalla morte di Carla si è tolto la vita. Si è impiccato lo stesso giorno dell’incidente, 10 anni dopo. L’amava troppo quella figlia, più di quanto amasse me. Lui non è mai stato per i compromessi, poco paziente, poca voglia di combattere, di resistere.

I ricordi ce li ho tutti ordinati e nitidi nella mente, anzi molto spesso ne aggiungo di nuovi, perché risalgono come una marea, spinti da una corrente misteriosa. E allora rivedo una scena, riascolto una voce, rivivo un episodio e mi stupisco di averlo perso per così tanto tempo e, come un vestito nuovo, lo piego per bene e lo rimetto a posto nel mio armadio, nessuna confusione, nessun disordine, ci sono tutti, ben riposti: il mio amore con Bruno, il nostro matrimonio, la vita insieme e poi Carla, Carla piccolina, la scuola, i compleanni, i saggi di danza. Carla adolescente, Carla donna, Carla sposa, Carla mamma. Tutto custodito con estrema cura.

Alla contadina ho chiesto due uova freschissime per fare la chitarra. “Signò pe du ove de past ‘ nt cunvine neangh a piille la chitarr!“mi ha detto. Io l’ho guardata male e lei mi ha arrotolato le due uova con la carta di giornale, prima una alla volta e poi le ha impacchettate insieme e me le ha stese.“Ecco signò e fa na bella mass!“Ho pagato e mi sono diretta verso il macellaio per prendere la carne per le” pallottine”, poi ho acquistato il parmigiano grattugiato e da un’altra contadina ho preso una bottiglia di salsa di pomodoro, come quelle che facevo io. Ho preso anche gli odori: sedano ,carota e basilico. Ho messo tutto nel carrello e sono ripartita.

Difficile spiegare che l’idea di tutta la fatica che andrò a fare per un po’ di chitarra mi fa sorridere, sorrido perché so che mi terrà occupata e forse la giornata passerà in fretta.

Trascino il mio carrello tutta piegata. La gente si sposta per farmi passare e ogni tanto alzo la testa , saluto e sorrido. Sorrido sempre a tutti, anche se non ho niente a che fare con gli altri, con la gente che vive, io non vivo più da tanto tempo, non vivo, aspetto, aspetto che finisca.

Ho ripreso la strada e sono passata davanti alla casa di Ester, l’amica di Carla. Sotto al portico della casa ,ho visto i suoi figli, sono grandi, il primo ha la stessa età che avrebbe avuto il figlio di Carla, lei ed Ester erano incinta nello stesso periodo. Mi fermo a guardarlo questo ragazzo, ha il telefonino appoggiato tra la spalla e l’orecchio e parla e ride, mentre con le mani si allaccia le scarpe, sono da tennis di tela blu con delle scritte. Indossa i jeans molto scesi, mi viene un po’ da ridere perché si vedono le mutande, ma non è la prima volta che lo noto in un giovane ed è talmente inverosimile, inconcepibile …. far uscire le mutande dai pantaloni o meglio far scendere i pantaloni per mostrare un po’ di mutande . Se ci fosse quel nipote, magari anche lui avrebbe i pantaloni scesi, il telefonino in mano e le scarpe da tennis … ma non c’è. E’ morto prima di nascere, con Carla quel giorno dell’incidente. Lui era ancora nella sua pancia.

Come si fa a riporre una donna incinta in una bara? Come si fa a vedere spuntare fuori dalla cassa una pancia,una pancia di otto mesi? Avrebbe potuto aspettare almeno un mese e il bambino sarebbe nato e tutto avrebbe avuto un briciolo di senso, ma no, gli è piaciuto così. Una pancia che spunta fuori da una cassa un controsenso, una bruttura, più brutta della morte, non si può guardare, non si può permettere, eppure lui lo ha permesso, ha permesso che la vita tornasse indietro, che si fermasse tutto prima di iniziare che la gioia diventasse dolore, l’attesa una fine. Un orrore, una mostruosità, ecco cosa è stato.

I jeans sono strappati in più punti,sarebbe stato veramente vergognoso per una ragazzo dei miei tempi indossare un pantalone così, noi ricucivamo, mettevamo le pezze, rattoppavamo, rammendavamo tutto. Non lo riconosco più questo mondo … ho ripreso il carrello, la schiena mi comincia a pesare e devo ancora tornare a casa e preparare tutto … neanche la pillola ho preso, la pillola per la pressione e la testa mi gira un po’.

——————————

Stamattina ho preparato tutto di corsa, perché non ce l’ho fatta ad alzarmi subito, il telefonino sul comodino suonava ed io automaticamente spingevo ”repeat” e mi godevo quei dieci minuti di torpore,la pancia poggiata su di un lato, le gambe incrociate una piegata e l’altra stesa. Francesca dormiva nella culla,ormai l’ho capito che è una dormigliona e che non si sveglia presto facilmente, io sono rimasta così per un po’, non so quante volte ho premuto lo stesso tasto, forse tre o quattro. Mi piaceva troppo, mi cullavo su quell’altalena del sonno-veglia, veglia- sonno, sentivo a tratti il cinguettio degli uccellini in giardino e dicevo a me stessa:” ok va tutto bene siamo alla fine di maggio, tra meno di un mese nascerà, c’è tempo” e mi riaddormentavo per qualche meraviglioso, profondissimo minuto e poi dolcemente, risalivo a galla e pensavo ora risuonerà e mi alzerò si ora lo farò … e poi …” repeat“…. Stavo troppo bene. Chi mi ha buttato giù dal letto è stata, per fortuna, la mia vescica che aveva raggiunto la massima resistenza. E poi mi sono fatta il caffè e ho cominciato a guardare il mare dalla finestra e a perdermi come al solito in mille pensieri, pensieri belli. Mi sono sentita felice e ho avvertito due lacrimoni gonfiarmi gli occhi: ho una figlia di tre anni che sta dormendo, un figlio che sta per nascere, una tazzina di caffè in mano e sto guardando il mare in una mattina luminosa di fine maggio.

Quindi, poi, ho dovuto sbrigarmi, e sono uscita trafelata e in ritardo per andare al comune a portare la domanda del contributo che scade inderogabilmente oggi. Francesca l’ho vestita con un abitino a fiori ed un cappellino rosa. Uno splendore. Ho preso il passeggino perché avevo fretta e siamo passate per il mare. Appena risalito il sottopassaggio ho visto il mare,bellissimo e ho capito che ormai l’estate è arrivata. Anche Francesca l’ha capito e ci siamo guardate sorridendo. Abbiamo proseguito per un tratto di lungomare assaporando tutto,l’aria calda,il sole che scalda la pelle,il verde dei pini,il cielo limpido,gli ombrelloni colorati tutti in file ordinate .Ho pensato a Dio e l’ho ringraziato. Chi ha potuto creare tutta questa bellezza? E poi Francesca e la mia pancia,una sensazione di pienezza mi ha invaso,ma anche di piccolezza,mi sono sentita piccola di fronte a tanta perfezione. La vita … penso sia proprio fantastica ,un mistero sì,ma incredibile,e come se mi sentissi parte di un equilibrio armonioso … sarà la gravidanza forse … comunque devo raccontarlo a Sergio questo momento magico del mare .

Sergio mi ascolta sempre,è sempre attento a quello che dico,mi mette una voglia di parlare di tutto di raccontare tutto quello che mi passa per la mente,spero che non si esaurisca mai questa voglia di condividere le cose,le emozioni,le esperienze,questo bisogno di confrontarsi di sapere cosa ne pensa l’altro.

Gli amici dicono che siamo da invidiare,così ancora appassionati al nostro amore dopo cinque anni di matrimonio,una figlia,un altro in arrivo e tanti problemi,eh sì i problemi non sono mancati. Anche adesso stare da sola per tutta la settimana,non è facile,ma è necessario. Il lavoro che hanno offerto a Sergio è stata una buona opportunità e per il momento dobbiamo accettare di stare lontani fino al week end.

Spero di trovare l’ufficio ancora aperto. Senza quel contributo non riuscirei a pagare la retta dell’asilo di Francesca . Sono ancora tante le cose che non ci possiamo permettere. Ma tutto migliorerà,sono sicura,anzi ne sono certa.

Il passeggino ha il freno che non rientra bene e ogni tanto sento che tocca le ruote e rallenta, per farlo rientrare devo dare con il piede un colpetto verso l’alto al fermo.

Non posso correre,ma vorrei farlo,vorrei almeno camminare più velocemente, spero di farcela .Spero di non trovare l’ufficio già chiuso.

—————————————

Mi fermo davanti alla chiesa .La testa mi gira. Mi siedo sulla panchina. Poggio il carrello accanto a me. Dentro c’è la spesa,ma non ho fretta. Non fa differenza mangiare all’una o alle due o alle tre. A volte non mangio,mi dimentico,oppure non ne ho voglia. Respiro e guardo la piazzetta. Penso al fatto che respiro e che guardo la piazzetta e che penso. Sono viva,sono cose che fanno i vivi .C’è ancora tutto un movimento dentro di me,il sangue scorre nelle vene,il cuore pompa il sangue e lo manda agli organi,al cervello e io penso e guardo e respiro. Carla no. Non ha sentito più l’aria entrare e uscire dalle narici,non ha visto più i colori e neppure la piazzetta. Non ha riso più,non ha più parlato. A volte mi chiedo dove sia andata a finire, a volte la immagino in un posto bellissimo che corre spensierata tra i prati,ma poi la rivedo là in quella bara e poi nella terra , lei e il suo bambino. Mi sale l’orrore,mi sale dallo stomaco e mi toglie il respiro,ma non muoio. Sento il fiato che si fa pesante,un dolore fortissimo,come una lancia che mi trafigge il petto. Il cuore si attorciglia come spremuto e poi lo sento sgretolarsi,lo sento proprio rompersi in mille pezzi,come un’esplosione .Succede quasi tutti i giorni da tanti anni. Ma non muoio,non ho nessun infarto. E’ il dolore. Non mi lascia mai, ha i suoi picchi che arrivano senz’avviso,poi si stabilizza lasciandosi dietro una scia di disgusto .una nausea gelida e opprimente. La domanda è sempre la stessa“perché?“Vorrei morire,ma ho deciso di andare fino in fondo per non dargli scuse. Non me ne vado prima,resto fino alla fine .Soffrire così mi sembra il prezzo giusto da pagare per essere rimasta viva.

Aspetto spiegazioni. Aspetto una risposta. Che mi spieghi il senso di tutto questo. Prima o poi dovrà farlo. Se c’è, dovrà farlo. Dovrà guardarmi negli occhi e rispondermi. E poi questo dolore mi fa sentire vicino a lei. Anch’io là nella terra fredda. Sola. Sono passati tanti anni,troppi anni. Sono morti anche i genitori di Paolo .

E’ rimasta solo la sorella,si è sposata a Torino. Ogni tanto mi telefona,mi ha persino invitato al matrimonio del figlio. Io non sono andata. In fondo,in fondo non lo perdono Paolo. Lui guidava. Lui non ha visto il camion. Lui ha sbagliato. E’ morto anche lui,qualche giorno dopo in rianimazione e forse è stato meglio così per lui e per me.

La testa mi gira ancora e sento caldo. Forse sto sudando. Sento un sudore freddo addosso.

————————————————–

L’ufficio,grazie a Dio, l’ho trovato aperto e sono riuscita a presentare la domanda. Con un po’ di difficoltà perché Francesca ha fatto i capricci,voleva scendere dal passeggino e si è messa a urlare.

Per fortuna una signora le ha dato un pezzo di pizza bianca che aveva nella busta e si è calmata. Sono sempre tutti gentili quando vedono una donna con il pancione ,ancora di più se ha anche un’altra bambina .E poi Francesca è bellissima,cattura il sorriso di tutti. Lei fa subito amicizia e inizia a chiacchierare e a giocare con tutti E’ un distributore continuo di risate e di gioia. E’ fantastica! Assomiglia al papà. Simpatica e allegra come lui,generosa e affettuosa come lui. Quanto mi manca!Ancora due giorni e torna a casa il mio amore! Ho voglia di riabbracciarlo,di stringerlo,di baciarlo,di sentire il suo odore,la sua voce. le sue mani. Con lui anche il bambino nella pancia è felice,si distende,si rilassa. Sergio è una parte di noi,ormai. Non mi sento completa quando non c’è. Sento la sua assenza anche fisicamente, come un’amputazione.

Marta mi dice che è così perché siamo ancora ai primi anni di matrimonio e poi perché lui è costretto a stare fuori per lavoro tutta la settimana e questo ci fa desiderare di stare vicini.

Dice che finirà,che finisce in tutti i matrimoni,che poi subentrano altre cose,ma che questo senso di appartenersi,di avere bisogno di sentirsi,di toccarsi,lei dice che finirà. Marta è sposata da nove anni e mi dice sempre che pagherebbe lei l’azienda per far lavorare fuori suo marito.“Sei fortunata,cara! Torna per il week end! Io ci metterei la firma!” Invece a me manca da morire. Per fortuna c’è Francesca con me. Lei mi tiene sempre occupata e poi è come se avessi un pezzetto di lui con me..Stesso sguardo,stessa luce negli occhi.Il nostro è stato un amore a prima vista,il classico colpo di fulmine. Conoscerlo e capire che avrebbe cambiato la mia vita è stato tutt’uno. Di lui mi è piaciuto subito lo sguardo e poi il sorriso .C’è una certa facilità nel comunicare tra noi,credo sia merito suo. Ha la capacità di ascoltarmi, di dare importanza ad ogni mia parola,di accogliere ogni mia sensazione e riesce anche a contraddirmi senza offendermi. Ho sempre voglia di raccontargli tutto di condividere con lui ogni pensiero. Lo amo e mi sento amata.

Il passeggino si blocca quasi tutte le volte che scendo dal marciapiede o comunque da uno scalino. Mi devo ricordare di dirlo a Sergio,forse riesce a riparare il difetto. Sto tornando a casa a passo decisamente più leggero dell’andata. Non ho fretta .Oggi l’impegno più grosso che avevo era appunto presentare la domanda per il contributo. Ora la giornata è per me e Francesca. Lei guarda tutto così attentamente mentre sta nel passeggino,osserva ogni cosa con i suoi occhioni . Credo che il mondo le piaccia proprio. A volte le chiedo: “Ti piace? “Mi risponde sempre sì!

Vicino la chiesa,nella piazzetta vedo un sacco di gente forse è successo qualcosa,meglio stare alla larga. Ma no, mi avvicino,sono curiosa .Tanto Francesca si è addormentata.

…………………………….

Stavolta credo sia successo qualcosa. Mi ritrovo stesa con la testa sulla panchina , mi hanno tirato su le gambe per farmi stendere. Non sono caduta perché ero seduta. Sento tante voci,ma è come se arrivassero da lontano,Ho sentito qualcuno gridare”Chiamate un’ambulanza!” “Fate presto!”Sento tanta agitazione tra le persone intorno a me. Io invece sono tranquilla,molto calma,Come se mi avessero immerso in un liquido denso e tiepido che mi rallenta tutti i movimenti e i pensieri. Penso alle uova nel carrello,forse il carrello è caduto e le uova si sono rotte?Ma che pensiero sciocco mi passa per la testa in un momento del genere … forse è arrivato il momento che aspetto da tanto e …. penso alle uova … E’ che tutto si intreccia e va al rallentatore e mi sento sempre più immersa in questo liquido denso .Non riesco ad aprire gli occhi .Cerco di concentrarmi sui rumori. Sono così lontani.”Fate qualcosa,aiutatela!” Questa voce è disperata. Vorrei dire di non preoccuparsi,che va tutto bene .Da tanto tempo non sentivo questo calore dolce dentro di me. Vorrei dire a tutti di andare via,di lasciarmi sola. Sono sorpresa perché non sono più arrabbiata. E’ scomparsa tutta la rabbia così,improvvisamente. Sono ancora più sorpresa perché sento una certa pietà e compassione per questa povera vecchia che sarei io. Una povera vecchia che sta morendo tutta sola su una panchina di fronte a una chiesa. Sono ancora più sorpresa perché mi sento serena e sto provando gioia .Una gioia e una pace che sento salire dai piedi. Non riesco a muoverli i piedi,ma è come se li sentissi galleggiare nel liquido. Questa felicità non può durare…

E se durasse?

E se durasse sempre?

E se ti rivedessi?

—————————————-

Mi hanno detto che è una donna anziana. Era seduta e poi l’hanno vista accasciarsi. Mi hanno detto che è sola. La figlia è morta anni fa in un incidente insieme al marito. Era incinta la figlia. Che cosa terribile! Che dolore inconsolabile avrà provato questa poveretta! Mi avvicino,non so perché. Voglio vederla.

——————————————

Molto lentamente,mi sto immergendo in questo liquido tiepido e denso. Lo sento che avanza e piano piano avvolge il mio corpo .Mi procura un torpore meraviglioso,una quiete che non avevo mai provato. O forse sì .Mi ricorda quelle prime notti dopo la nascita di Carla io e lei da sole nella nostra stanzetta d’ospedale. Lei che dopo aver bevuto al seno si rannicchiava tra le mie braccia e si abbandonava completamente alla quiete,al riposo. Un senso di completezza,di appagamento .Come adesso.

Va tutto bene,sta andando tutto nel migliore dei modi. Sono un piccolo tassello di un immenso puzzle e sto prendendo il mio posto .E’ il momento giusto.

Finalmente a casa.

Finalmente in pace.

Forse anche Carla si è sentita così? E se si sentisse ancora così?

Le braccia sono pesantissime e leggere allo stesso tempo. Non riesco a muovere nessuna parte del mio corpo,ma niente mi fa male. E’ tutto anestetizzato dolcemente dal liquido. Ho il respiro lento ma profondissimo. L’aria mi entra nei polmoni come se avessero aperto una diga. Non ho paura. Sono felice. Ho gli occhi pieni di lacrime,e li apro. Sì, si sono aperti. Vedo tanta gente,tutti si muovono e sembrano spaventati,ora però non sento più le loro voci. Vedo anche il cielo e le foglie dell’albero che ombreggia la panchina. Sono verdi,di un verde brillante,abbagliante. Non me lo ricordavo così bello il verde…

Vedo una donna. Una donna giovane che mi sta guardando,è bellissima. Vorrei sorriderle ma non credo di riuscirci. Le guardo il viso e le guardo il vestito. Ha la pancia. Ha la pancia grossa di una donna incinta di almeno otto mesi.

————————————

Quello che è accaduto mi avrebbe dovuto sconvolgere,invece mi sento calma e serena e sto tornando a casa.

Francesca dorme ancora nel passeggino e sto camminando sul lungomare assaporando questa meravigliosa fine mattinata. C’è poca gente,forse sono già tutti a tavola a mangiare. Il mare è calmo e il sole inizia a scottare sulla pelle. Da domani devo riprendere l’abitudine di mettere a Francesca la crema protettiva .Lei ha la pelle molto delicata e diventa subito rossa al sole .Comunque non vedo l’ora di raccontarlo a Sergio.Ma devo cercare di fargli capire bene quello che è successo e la sensazione di pace che ho provato. Sarà difficile spiegargli che mi sono avvicinata ad una vecchina che si era sentita male sulla panchina di fronte la chiesa.

Gli dirò: “Sai ero curiosa,c’era tanta gente,Francesca dormiva,allora mi sono avvicinata. Dopo poco lei ha aperto gli occhi,come se mi stesse aspettando,mi ha guardato con tanta dolcezza e mi ha sussurrato una parola. Poi ha chiuso gli occhi ed è morta” Allora Sergio mi chiederà “E cosa ti ha detto?” Io lo guarderò negli occhi con tutto il mio amore prima di rispondergli:

Mi ha detto grazie.”

MARIA GIULIA BAIOCCHI – IL PROFUMO DEL PASSATO

Dopo il funerale e il rientro a casa, le sembrò di non avere più nulla da fare. Seduta alla scrivania dello studio guardava la fine acquerugiola che lacrimava dal cielo. Il giardino era avvolto da una nebbiolina umida e compatta che faceva risaltare gli alberi a chiazze, qui la cima di un pino, là il fogliame di una camelia, più lontano il disegno di un’aiuola. Dentro, il camino acceso dava una nota di allegria; Matisse, il tigrato di casa, dormiva raggomitolato sul tappeto; sugli scaffali di ciliegio i vecchi volumi appartenuti a più generazioni parevano arditi soldati vittoriosi sul tempo trascorso.

Il funerale era stato semplice e solenne. La bara di legno scuro, ricoperta da un cuscino di rose giallo-arancio mescolate a semplici campanule blu, il fiore del cordoglio, era sembrata elegante contro la semplicità e il candore dell’altare. “Può essere considerata elegante una bara?” si chiese Angela dopo aver formulato il pensiero. In verità, al cimitero, durante la sepoltura, aveva pensato che la morte fosse una crudele e insensata cialtrona. Sì perché, arruffona come’era, uccideva a caso, a volte giovani, altre vecchi, alcuni soffrivano le pene dell’inferno e lei tirava quei fili senza spezzarli mai, invece altri morivano nel sonno, placidi e tranquilli. Per questo odiava la morte. Ma chi non la odia? Angela aprì a caso i cassetti della scrivania: carte, lettere, fogli, penne e vecchie cartoline. Toccava a lei rimettere a posto tutto, rispondere ai biglietti, sistemare ogni cosa, rovistare in quella vecchia casa dove, con il tempo, si erano accumulati i ricordi di una vita.

C’era stata parecchia gente al funerale, questo non se lo aspettava. In fondo sua madre era morta a novantaquattro anni, parenti in vita ne erano rimasti pochi, ma tanti erano stati i vicini, gli amici e gli ex colleghi che erano venuti ad assistere alla sepoltura della sua mamma.

La donna era spirata nel sonno, dolcemente, senza un lamento. Era andata a letto la sera prima di ottimo umore, aveva cenato con gusto, chiacchierato con la figlia, Angela, aveva detto che doveva andare a tagliarsi i capelli, che doveva ritirare la collana di perle con il nuovo fermaglio, che all’università della terza età aveva assistito a una magnifica lezione su Leonardo. Angela, abituata alla sua eccezionale vivacità, quando la mattina seguente non l’aveva sentita alzarsi alla solita ora, si era allarmata. Entrata nella sua camera, alla luce soffusa che filtrava dalle persiane, l’aveva vista immobile sotto le coperte e gli occhi chiusi, ormai morta. Una felice morte, come le avevano detto tutti.

Ora Angela, vedova da tempo e senza figli, era sola in quella grande casa che, per la maggior parte dei suoi settant’anni e più, aveva condiviso con la sua mamma.

Angela si alzò e andò vicino alla porta finestra. Guardava fuori senza vedere nulla. Dolente, pensava: trascorrerà la sua prima notte da sola sottoterra, dovrò disdire la pensione, ci sarà da andare in banca, cosa ne faccio dei suoi abiti, devo ritirare la sua collana, le affollavano la testa uno dietro l’altro, senza che avesse voglia di metterli in ordine. Era stanca, improvvisamente si scoprì sfinita. Quell’inizio di maggio triste e uggioso la immalinconiva e l’ultima cosa che voleva era deprimersi in solitudine.

Il suono del telefono fu un diversivo gradito.

Pronto …”

Pronto, buongiorno, anzi buonasera …” Angela udì la voce tremolante e sconosciuta di un’anziana signora “Cercavo la signora Morandi, Elsa Morandi”.

Angela si sentì imbarazzata, pensò che fosse una vecchia amica di sua madre e ora doveva dirle che era morta.

Chi parla?”

Sono Celeste Dellea”

Signora Dellea, mi spiace darle una brutta notizia, ma la mia mamma è morta l’altro ieri. Proprio oggi abbiamo fatto il funerale …”

Oh, mi dispiace tanto, tanto … Condoglianze … Mi dispiace” ripeté di nuovo e poi: “Dovevo aspettarmelo, vista l’età. Erano così tanti anni che non la sentivo ma volevo farle sapere di aver ritirato “Villa Carlotta”, la sua mamma c’era venuta tanti anni fa, in vacanza, quando ancora faceva le magistrali … In verità l’ha ritirata mio figlio, ne ha fatto un … come si dice, quei posti dove si dorme e si mangia solo la colazione …”

Un bed and breakfast?”

Sì, quello, lo inauguriamo il 16, fra dieci giorni, mi sarebbe piaciuto invitare sua madre. Sarebbe stato bello avere anche la sua amica, Vittoria, ma lei è morta tanti e tanti anni fa …”.

Angela si ricordò vagamente dei racconti della sua mamma intorno a quella vacanza sul Lago Maggiore, ma non ricordava più il paese.

Lei è sposata? Ha nipotini?” le chiese l’anziana donna.

No, sono sola, mio marito è morto …”

Perché non viene a trovarci? Anche dopo l’inaugurazione. Se mi dice di sì, le riservo la stessa stanza che avevano sua madre e Vittoria, non ho voluto che la toccassero. Allora ci viene?”

Ci penso, mi lasci qualche giorno …”.

Se all’inizio Angela si disse che non aveva nessuna voglia di spostarsi da casa, guidare per quasi duecento chilometri e raggiungere il lago, poi cambiò idea. Le era pesata la solitudine di quegli ultimi giorni, lo stare rinchiusa senza udire un’altra voce, sentire solo il rintocco del pendolo nello studio accompagnato dal fruscio di carte che le sue mani spostavano. Anche il gatto, Matisse, sembrava perso in quel silenzio e preferiva starsene raggomitolato in giardino, sotto l’azalea che mostrava i primi boccioli.

Poi in poche ore fu tutto deciso: la camera confermata, il trolley pronto, il gatto affidato alla vicina, l’auto con il pieno fatto e il recente passato alle spalle.

La radio le tenne compagnia lungo il viaggio che fu tranquillo, il traffico era regolare, la giornata bella e, dopo aver lasciato l’autostrada e aver attraversato Varese, fu colpita dal verde della Valganna e dalla bellezza dei luoghi. Tutt’intorno, i monti erano ricoperti da una fitta vegetazione, tante piante vestivano già il verde primaverile, altre, ancora brune, spiccavano fra i ciliegi selvatici in fiore. Quando finalmente vide il lago, a Luino, una luce azzurrata la investì. Maccagno, la meta del suo viaggio, era a pochi chilometri. Allora Angela si fermò e scese per sgranchirsi le gambe. Passeggiò sul lungolago, splendido nella sua raffinata semplicità, con un terrapieno che si sviluppava lungo la costa colmo di erbe lacustri e fiori a picco sull’acqua. Tutt’intorno le montagne erano immerse in un’azzurrità impalpabile, forse per via del cielo limpido o del riverbero dell’acqua cobalto.

Incantata, Angela si sedette a un tavolino di un bar che dava proprio sul lago. Restò con il suo espresso fra le mani, caldo e cremoso, rapita dal volo dei gabbiani, dal sole tiepido, dalla limpidezza delle linee dei monti che disegnavano il cielo.

Quando giunse a Maccagno, il navigatore la guidò lungo il dedalo delle stradine che si intersecavano vicino al lago, poi finalmente raggiunse “Villa Carlotta”.

Ben arrivata, ben arrivata! Come sono contenta di vederla!” Celeste Dellea le era andata incontro scendendo con brio l’ampia scalinata della villa.

Angela vide e ammirò l’elegante edificio liberty immerso in un parco secolare. Il giardino declinava verso il lago dove si vedeva un curatissimo prato all’inglese che degradava dolcemente sino alla spiaggia privata, una mezzaluna di minuti ciottoli e un piccolo molo al quale era attraccato un motoscafo.

Quello è il Limidario …” le aveva spiegato Celeste indicandole la vetta più alta che coronava il lago “È già Svizzera laggiù …”.

La camera che le fu assegnata si trovava al secondo piano. Aveva un balconcino dalla ringhiera di ferro battuto che guardava il lago. La stanza era ampia, un elegante letto a baldacchino rosa troneggiava nel mezzo. L’armadio scuro, ricco di intarsi e volute, due comodini dal ripiano di opalina nera, una frivola pettineuse e una poltroncina dall’imbottitura di seta anch’essa rosa arredavano la camera. Fra le due porte finestre che si aprivano sul balcone c’era una parete nuda.

Qui rimetteremo il quadro che ritrae Vittoria, la grande amica di sua madre, lo dipinse un pittore francese, l’abbiamo fatto restaurare”.

Quella sera, complice il tepore di maggio, le due donne si sedettero in veranda e Celeste raccontò ad Angela di quella vacanza lontana di sua mamma.

Era l’estate del ‘37” cominciò la donna “Io avevo dodici anni. Con la mia famiglia soggiornavo in hotel, quello della piazza, l’ha visto? Ero con i miei genitori e mia sorella, poveretta, morta investita vent’anni fa ormai, che aveva sedici primavere allora. Fu lei a conoscere Elsa e Vittoria, sulla spiaggia. Questa casa era dei nonni di Vittoria. Le due ragazze erano in vacanza dopo la scuola, come noi. Ma loro avevano questo bel giardino e la spiaggia. Così diventammo amiche e anch’io, la più piccola, ero tollerata. Sa com’è, a quell’età loro tre avevano mille segreti, parlottavano e ridevano tenendomi all’oscuro di chissà quali cose; io ci rimanevo così male! Mi sembra di vederle correre, laggiù, la vede quella grande camelia? Indossavano sempre lunghi abiti chiari e leggeri e portavano sul capo cappelli di paglia dai lunghi nastri. Quelle sono un gruppo di camelie, fra il fogliame c’è un passaggio e una volta dentro pare di essere in una stanza. Stavano là, sedute delle ore. Io ero piccola e magra, bruttina ancora. Loro le vedevo così splendide, con i lunghi capelli intrecciati, soprattutto Vittoria aveva una chioma d’oro rosso e gli occhi verdi, era una meraviglia. Oh, anche Elsa, sua madre, era affascinante, lei lo saprà meglio di me e anche mia sorella … ”. La donna si fermò un attimo, lo sguardo lontano, perso nei ricordi.

Quell’estate …” continuò “fu così bella e calda, facevamo i bagni al largo, il nonno di Vittoria aveva una barca, andavamo ai Castelli di Cannero, o salivamo in Forcora, a raccogliere mirtilli e more. I miei genitori avevano fatto amicizia con i nonni di Vittoria, spesso erano qui anche loro, stavano seduti all’ombra di quelle betulle e la cameriera serviva rosolio e biscotti, o the freddo o acqua e limone. Per noi bambine c’erano sempre torte alla frutta e certe brioche ripiene di confettura fatta con le bacche della rosa canina, una bontà. C’era sempre una tavola imbandita qui fuori, con le torte messe sotto le campane di tulle per proteggerle dagli insetti.

Fu quell’estate che venne Jean-Claude, il pittore. Non so come capitò qui, ma conobbe il nonno di Vittoria e gli commissionarono il quadro. Domani lo vedrà, è bellissimo, è proprio Vittoria come me la ricordo. Eravamo gelose anche del quadro. Lo volevamo anche noi, mia sorella ed io, ma i nostri genitori non vollero. Elsa, invece, sembrava indifferente, o forse ricordo male. Sa, la visione di una dodicenne è così parziale ed egoistica. Rammento più particolari sulla bontà della torta di mele che sugli stati d’animo delle persone. Jean-Claude era giovane, ma a quell’epoca un venticinquenne mi pareva un vecchio. Era bello, ora lo posso dire, alto e biondo, con gli occhi blu come il lago di oggi, e i due si innamorarono. A quell’epoca non capivo nulla di queste cose, i miei non parlavano mai di fronte a noi, ma alla fine dell’estate, Vittoria scappò con lui, fu uno scandalo. Ricordo le lacrime inconsolabili di Elsa e di mia sorella! Più tardi si seppe che i due erano fuggiti in Svizzera e da lì avevano raggiunto la Francia …. Ma quella fuga fu un disastro, non ho mai saputo bene la storia sennonché i due rimasero insieme qualche anno e poi Vittoria morì, era il ’41 o l’inizio del ’42… ”

Davvero triste …” commentò Angela.

Sì. Quell’estate incominciata con tanta gioia, terminò con una tragedia … Ah, quanto piangere fecero i nonni di Vittoria, poveri vecchi. Morirono prima di sapere della morte di Vittoria, almeno si risparmiarono questo dolore”.

La mattina successiva, arrivò il famoso quadro. Quando Angela lo vide, rimase abbagliata: Vittoria era stata ritratta a figura intera, in una posa che ricordava le fanciulle del Rossetti. Vestita di un lungo abito blu dalle ampie maniche e dalla scollatura quadrata, portava i capelli d’oro rosso lunghi e sciolti e fra le ciocche erano incastonati, come pietre preziose, minuscoli fiori bianchi e azzurri.

Lo sguardo di smeraldo, ironico e canzonatorio, catturava gli occhi di chi la fissava; la bocca piena color dell’amarena matura, socchiusa a un riso di sfida, pareva avere le belle labbra avvelenate d’amore. Una mano, dalle lunghe dita diafane, dove sull’anulare spiccava un’acqua marina, era appoggiata al tronco argenteo di una betulla. L’altra, stringendo dei fiori di campo, raccoglieva con gesto elegante la veste, dove un piedino spuntava, pronto a entrare in una fresca pozza d’acqua che brillava vicino. Alle spalle di Vittoria, fra i rami degli alberi si intravedevano le finestre della sua camera spalancate e si coglieva l’idea dell’armadio massiccio posto proprio sulla parete di fronte alle due aperture, come ancora era rimasto collocato.

Alla sinistra della fanciulla, appoggiato su un masso, era dipinta con cura una scatola di legno finemente intagliata dalla quale fuoriuscivano dei fogli ricoperti da una minuta grafia. Non si leggeva nulla se non la firma del pittore: Jean-Claude Minnet.

Notevole, vero?” mormorò Celeste “Pur avendolo visto per anni, ogni volta che lo guardo, resto affascinata, catturata dalla sua forza …”

È davvero splendido! Dovrebbe tenerlo giù, nella sala grande, per farlo ammirare a tutti”

No, è questo il suo posto, lo so …”.

Il fascino di quel quadro era così grande che Angela continuò a pensarci durante la mattinata e quando, nel primo pomeriggio, salì in camera per riposarsi, non riuscì a chiudere occhio ma passò il tempo a studiarne i particolari. Vittoria era bellissima, una giovane donna con un fascino prepotente. La sua superiorità si percepiva a distanza e quello sguardo illuminato da un brillio particolare evidenziava la magnificenza del viso e della figura.

Angela fotografò più volte il dipinto, ma l’immagine sul display della digitale non rendeva giustizia all’opera. Non si stancava di ispezionare ogni particolare, esaltandosi a scoprire le minuzie che Jean-Claude aveva riprodotto con estrema perfezione pur facendole risultare come un complemento della bellezza di Vittoria. Si sentiva l’attrazione fisica che doveva aver colto i giovani, tanta bellezza non poteva lasciare indifferenti e, con il senno di poi, sarebbe stato facile prevederne le conseguenze. Angela stava ancora ammirando il ritratto, quando lo sguardo ricadde di nuovo sulla scatola di legno. Di colpo capì dove aveva visto le stesse volute: erano identiche a quelle dell’armadio, in tutto e per tutto.

D’istinto aprì l’armadio e, sotto la fila dei cassetti, scorse l’ultimo che era più piccolo degli altri perché di fianco aveva una nicchia vuota: il posto della scatola. Dunque la scatola era andata perduta.

Angela tornò al dipinto, cercò di decifrare le lettere scritte sui fogli, ma non si capiva nulla, allora smise di pensarci e scese in spiaggia.

Il sole, la compagnia di Celeste e degli altri ospiti, il ristorantino di Cannobio che raggiunsero con il battello, la passeggiata sul lungolago di Maccagno, tutto stancò piacevolmente Angela che, la sera, si ritirò in camera sfinita ma soddisfatta. Le sofferenze e la tetra solitudine delle ultime settimane erano lontane e la vita risorgeva prepotente in lei. Non aveva più pensato a Vittoria e al quadro e si addormentò subito.

Intorno alle cinque, però, si svegliò di colpo. Restò immobile persa in quegli attimi che le negavano la solita lucidità. Dalle persiane già filtrava la prima luce dell’alba, si udiva il canto degli uccellini e a tratti anche la voce sommessa del lago.

Ma Angela capì perché si era svegliata, dentro di sé non aveva smesso di cercare e ora sapeva dove aveva visto quella scatola: a casa sua. L’aveva sempre avuta la sua mamma, era sempre stata nella sua camera, fra le sue cose. Ma dov’era stata ultimamente? In camera non c’era più e neppure nello studio. Non la vedeva da un’infinità di tempo e non sapeva cosa ci fosse dentro. Le pareva che contenesse delle cianfrusaglie, ma ricordava benissimo che era tutta intagliata.

Chissà perché il pensiero della scatola la mise sottosopra. Doveva andare a casa per controllare che ci fosse ancora e vedere il contenuto.

Aspettò impaziente le otto, scese a fare colazione, raccontò tutto a Celeste e, nonostante le sue rimostranze, partì, promettendole di farsi viva appena avesse ritrovato la scatola.

Ma non m’importa della scatola!” aveva implorato Celeste “È così bello averla qui, stia ancora con noi, guardi che giornata anche oggi!”.

Mi dispiace, devo andare, devo andare … Ma le farò sapere”.

Fu un viaggio diverso quello del ritorno, Angela era carica e determinata, sentiva che qualcosa le sfuggiva e le sembrò di ricordare che, a volte, sua madre si chiudeva in camera prima di aprire la scatola e in un’altra occasione aveva trattenuto a fatica le lacrime; era stato quando aveva compiuto i dieci anni e la sua mamma le aveva detto che si era commossa per la sua festa, ma ora sapeva che non era così.

Giunta a casa, andò in camera di sua madre ma la scatola non c’era. Guardò nello studio, negli armadi del corridoio, nella camera degli ospiti, in cucina, in sala da pranzo e nel salottino. Ma la scatola non la trovò. Pensò che fosse in solaio, allora ci andò subito. Là sopra regnava il caos, rivide vecchi giocattoli e mobili rotti, sedie spaiate, rovistò in casse di libri, guardò dentro armadi polverosi ma non la trovò.

Stanca e delusa, si concesse una doccia e uno spuntino. Si pentì d’essere tornata a casa, in fondo qualche giorno di differenza non le avrebbe cambiato la vita, poi andò nella sua camera, aprì l’armadio per prendervi un pigiama pulito e lì, sul ripiano appena sopra la sua testa, ecco la scatola tanto cercata.

Angela sentì il cuore erompere nel petto, la prese con le mani tremanti, la portò sul letto e l’aprì. C’erano fogli e lettere in vecchie buste ingiallite, un paio di babbucce rosa, un nastrino anch’esso rosa e, in un minuscolo astuccio un anello con un’acqua marina, la stessa del quadro. Angela diede una scorsa ai fogli e alle lettere, poi sempre più interessata lesse tutto, riordinò le date degli scritti e lesse ancora e ancora sino a quando l’alba non la fece crollare sfinita, incredula per quanto aveva letto.

Sì, è questa la storia, è pazzesca …” Angela parlava concitata al telefono con Celeste “Vittoria scappò con Jean-Claude a Parigi, erano innamorati e lui le aveva già regalato l’anello del quadro, ma una volta in Francia, per via della guerra e di lui che era antifascista, fecero la fame. Poi Vittoria rimase incinta, ma era malata di tubercolosi”

Oh, poveretta! E allora cosa fece?” chiese Celeste commossa.

Allora chiamò la mia mamma per aiutarla, perché i genitori di Vittoria, dopo la sua fuga, l’avevano cancellata dalla loro vita. L’11 ottobre del ’41, nacque una bambina, ma Vittoria morì qualche giorno dopo, Jean-Claude non c’era perché era in prigione”

Mio Dio, che tragedia!” esclamò la donna dall’altra parte del telefono “E la bambina?” domandò.

Mia madre, che era già sposata, portò la bambina con sé, in Italia … Sono io quella bambina! Mi capisce Celeste? I miei genitori sono Vittoria e Jean-Claude”

No! Chi l’avrebbe detto! Dopotutto questo tempo scoprire questa cosa!”

È tutto scritto … e l’anello apparteneva alla mia mamma. Perché non l’ho saputo prima? Perché mia madre non voleva più restituirmi a Jean-Claude, lui ha sempre pensato che Vittoria ed io fossimo morte. Jean-Cluade, mio padre, tornò dalla guerra, divenne un pittore di un discreto successo, ho letto su Internet la sua biografia”.

E s rifece una vita?”

Sì, certo. Pensi Celeste, ho fratelli e sorelle! Sì, lo so che è passato tanto tempo, ma voglio incontrarli, voglio che tutti noi possiamo avere un’altra occasione, è l’ultimo regalo della vita, oggi che sono già vecchia e la morte preme … Forse ho dei nipoti”

E non ce l’ha con i suoi per averle tenuto nascosto la verità?”

No, Celeste, non ce l’ho con i miei, hanno fatto tanto per me … forse, se avessero avuto dei figli sarebbe stato diverso. Sì, è vero è stato un amore egoista il loro, ma è stato amore. E poi chissà cosa hanno passato, quanti dubbi e rimorsi avranno avuto! Pensi Celeste, ho trovato anche dei fiori secchi nella scatola, sono dei Non ti scordar di me …”.

BRUNA FRANCESCHINI – L’ULTIMO CAVALIERE

Quando gli conferirono l’onorificenza, non sembrava onorato. A chi gli chiese perché, rispose che aveva solo attraversato il mondo dei morti e, tornato miracolosamente tra i vivi, si era sentito come chi avesse perso anima e nome, patria e cielo.

Io allora avevo undici anni, non capivo cosa intendesse, ma sapevo che avrei capito. Quando fui più grande e lui troppo vecchio, sentii che non c’era più da aspettare. Dovevo farmi raccontare quella storia, prima che l’ultimo cavaliere di Vittorio Veneto tacesse per sempre.

Era seduto nella poltrona accanto alla finestra. Una coperta sulle gambe. Il volto allungato dalla malattia e dagli anni. Le rughe ispessite, ma gli occhi ancora vividi, sotto le pliche delle palpebre, dolci e malinconici, resi smisurati dalle spesse lenti cerchiate d’oro.

Mi sedetti accanto a lui: “Ora sono grande abbastanza per quella storia, non credi?”

La pendola sembrava ritmare i ricordi, più che il tempo. Lui, virando in tenerezza la tristezza dello sguardo, indicò con l’indice scarno il cofanetto sul cassettone. Lo presi e glielo posai sulle ginocchia. Estrasse un album dalla copertina di tela color topo e mi prese una mano. Mi parve di ritrovare la segreta dolcezza dell’infanzia, appena cominciò a parlare.

«L’estate 1914 era al suo culmine quando giunse in paese la notizia. Le donne, andando a messa prima, scoprirono, affisso dappertutto il bando della mobilitazione generale, dell’esercito, della marina da guerra, delle due milizie territoriali, nonché la chiamata della leva in massa.

Mia madre corse a portarci la novità. Un fulmine a ciel sereno per chi non leggeva i giornali e non sapeva dell’uccisione dell’arciduca Ferdinando, dell’ultimatum alla Serbia. Per chi non abitava in città e non sapeva che la linea ferroviaria, i ponti, i magazzini, gli uffici pubblici già da giorni erano piantonati. Tutta la comunità si radunò in piazza, le campane squillavano: c’era sorpresa ed emozione, i più giovani ci scherzavano su, incoscienti e spavaldi, le donne piangevano sommessamente, gli anziani scuotevano la testa. Mio fratello Massimiliamo fu il primo a doversi presentare. Ebbe appena il tempo di prepararsi in fretta e partire per l’ignoto».

Il nonno rizzò la testa per ascoltare il rintocco del campanile, colpi rotondi, metallici. Faceva così da sempre, ogni santa ora del giorno e della notte, visto che soffriva d’insonnia: scandiva i numeri a bassa voce, come se ne inseguisse lo sciogliersi fino a morire. Come se fossero le voci di una turrita città di bronzo che parlavano ai sentimenti, più che alla ragione. Pausa lunga. Faceva fatica a parlarne, della maledetta guerra. Aveva attraversato muto il Novecento, come se il tempo avesse fagocitato tutto. Nel cuore solo la cenere dei ricordi e il vaso sigillato del silenzio. Finché il silenzio era scoppiato in mille frantumi per fare spazio al suo racconto.

Hai la gola secca? Ti preparo del tè con il miele?”- gli chiesi.

Non ora. Più tardi”.

Proseguì la narrazione. La voce come provenisse dal suo interno: sembrava parlare più a se stesso che a me. C’era tuttavia, nella sua aria malinconica, anche qualcosa di guerriero. Ogni tanto si fermava, non sapevo a cosa pensasse. Si sentiva solo il suo respiro ansante. Parole sospese nell’aria, crepitare dei bronchi, come se stesse tirando fuori da lì i propri affanni.

«Un fratello al fronte non bastò a lasciarmi a casa quando, nel gennaio 1916, compii diciotto anni. Io, che per l’insistenza del maestro e del parroco avevo intrapreso gli studi ginnasiali, allo scoppio della guerra li avevo dovuti interrompere per aiutare mio padre a rappezzare le precarie finanze della falegnameria. Nella fretta di imparare il mestiere avevo perso due dita alla sega elettrica, il medio e l’anulare destri. Quando mi presentai alla visita di leva e salutai, portando la mano alla fronte, l’ufficiale medico pensò che fossi un irredentista e gli facessi le corna. Si placò quando vide che le dita mancavano davvero, ma mi dichiarò ugualmente abile e arruolato. Non sarei andato al fronte, però avrei fatto il piantone di guardia al Castello del Buonconsiglio.

Ancorché lontano dal fronte, fu così che mi capitò di sfiorare la Storia, partecipando (mi correggo: assistendo) all’impiccagione di Cesare Battisti. Quel giorno decisi di cominciare a tenere un diario.»

Il nonno mi porse l’album dalla copertina di tela color topo, chiuso da una cordicella, ed io sentii caldo al cuore, un caldo prezioso, raro. Lo strinsi nelle mani con un gesto di gioia e di affetto. Un po’ anche di vittoria. Lo soppesai, poi sciolsi il nodo e lo aprii. Lessi per lui, oltre che per me:

Subito dopo l’alba del 12 luglio 1916.

Siamo in tanti, ammassati e disposti a quadrato. Una marea grigio azzurro con al centro il patibolo, più nero del nero. La fossa è umida, l’erba fradicia di pioggia. L’odore forte, acre, di sudore e di fango. Per la prima volta assisto a un’esecuzione e per la prima volta sento che la guerra è uno schifo anche senza essere al fronte. Soprattutto mi sento per la prima volta di dovere scegliere di stare da una parte. Dall’altra parte. Dalla parte del condannato. Alto, folta chioma bruna, come il pizzetto, i polsi legati dietro la schiena, cammina diritto, solo un po’ barcollante, scortato dai soldati con la baionetta a tracolla. Rifiuta il cappuccio nero, la sigaretta, le parole del prete. Sul suo volto il riflesso dell’infinito. Provo ammirazione, non pietà: ha la morte a pochi passi e vuole vederla in faccia. Il cappio gli viene passato intorno al collo con mani veloci. Il boia, un omone grasso e vestito di nero, arrivato apposta da Vienna, lo fa montare sullo sgabello accanto al palo, poi sale sulla scaletta alle sue spalle e fissa la corda al gancio, ben tesa. Uno strattone, seguito da un gemito. Un altro strattone, seguito dal silenzio. Quindi un calcio allo sgabello. Si sente un crac: la corda si rompe. Il condannato cade a terra. Vivo. Brivido tra i presenti. Dovrebbe essere graziato. Ma il comandante dà ordine di ripetere l’operazione: il secondo tentativo riesce e Battisti penzola scalciando per qualche minuto. Poi si arrende, la testa da un lato. La bocca aperta a esalare l’ultimo rantolo, suono pulsante della morte e dell’intera sua vita: i primi giorni di scuola, il liceo e la laurea, il matrimonio, la nascita dei tre figli, il discorso al Parlamento di Vienna a favore dell’italianità della sua terra, la fuga dall’Austria, la taglia sulla sua testa, l’arruolamento nell’esercito italiano, la cattura, il suo ultimo viaggio su una carretta per le vie di Trento, tra sputi e insulti di una folla orchestrata, il frettoloso processo e la condanna esemplare.

Il boia, quell’uomo nato per il demonio! Sorridendo diabolicamente si mette in posa accanto al cadavere. Altri gli si affiancano, l’aria diabolicamente soddisfatta. La truppa guarda con occhi spenti, stanchi, senza pietà né disprezzo. Un cenno e due parole secche del comandante: i Kaiserjäger si disperdono, accendendosi una sigaretta. Il corpo è lì, fermo, sotto il cielo vuoto. Porto le mie tre dita alla fronte, in segno di estremo saluto. Non corro il rischio di essere punito, penseranno che gli faccia le corna.

Respirai a fondo per riprendermi dall’emozione e dalla sorpresa. Per non manifestare troppo il lato convulso delle donne. Per assumere distanza e prossimità da una vicenda singolare che però aveva valicato i confini della Storia.

Con voce sommessa, che esprimeva insieme serietà e dolcezza, il nonno continuò:

«La sera tornai sul posto: il corpo era stato rimosso, ma la forca rimaneva in piedi, in attesa di Fabio Filzi. Ogni piccolo gesto della sua agonia era entrato in me. Lui era ancora lì, chiuso nell’orribile bellezza del suo morire. Morire per un’idea. Doveva essere un’idea forte! L’Italia e il socialismo. Dell’Italia mi era sempre importato poco: essere italiani o austriaci, per la povera gente, non cambiava nulla. Anzi, avevo sempre pensato, come mio padre, che fosse meglio avere Cecco Beppe per imperatore, piuttosto che un re nano. Quanto ai socialisti, mia madre non voleva sentirne parlare, di quei senza Dio. Figli del demonio, diceva il parroco. Ma sospettavo che mio fratello fosse un simpatizzante. Lui non aveva potuto studiare, però leggeva molto. Diceva che quando si è ignoranti si capiscono le cose di traverso. Mi venne improvvisamente una gran voglia di sapere com’era, se uomini come Battisti ci credevano tanto. Mi piaceva pensare che non sarebbe morto invano se avessi cercato di inseguirne le idee. Fu così che diventai anch’io socialista. Ma, a differenza di lui, anche disfattista. Cominciai a parlare male dei generali, del militarismo che calpestava ogni principio ragionevole, a cantare a voce alta Maledetta la sia questa guerra.

Arrivai persino a fare delle cretinerie, come salutare lasciando cadere di mano il fucile: cosa gravissima, che dimostrava scarsa attitudine alla guerra. Finché fui mandato in prima linea.

Pensai di finirla arrendendomi al nemico: corsi fuori dalla trincea, zigzagando, finché, con un fazzoletto bianco sulla punta della baionetta, mi consegnai agli italiani.

Fui tradotto a Pinerolo, in una vecchia filanda trasformata in caserma. Oltre ai prigionieri austriaci arrivavano disertori italiani o renitenti. Mi dichiarai irredentista, raccontando che mi ero arreso agli italiani perché ero stato folgorato dalle ultime parole di Cesare Battisti prima di essere impiccato: “Viva Trento italiana, viva l’Italia!”.

Forse avevo creduto di sentirle. In ogni caso le aveva sicuramente pensate. Mi arruolarono, avevano bisogno di altra carne da macello per rimpiazzare i disertori o i caduti.

Arrivai sul Carso sotto una pioggia d’acqua e di proiettili. Mi sentivo impacciato, nel mio plotone c’erano ragazzi che parlavano dialetti incomprensibili. Ma ancora più m’inquietava il cordone di carabinieri disposto ai piedi della collina, per contenere le fughe e per riportare i fuggiaschi ai reparti di appartenenza.

Più mi inoltravo nel territorio dei combattimenti, più mi accorgevo che i generali italiani erano come quelli austriaci: monocoli incastrati nell’orbita, come un terzo inutile occhio, labbra contratte, divise impeccabili, dita tremolanti nell’accostare la bottiglietta di grappa alle labbra, cuori infeltriti di fronte alla decimazione dei loro uomini.

I colonnelli con in testa un’idea fissa: temprare come l’acciaio le anime dei soldati, farne dei distruttori. Poi, sotto di loro, una linea gerarchica che dall’alto in basso incarnava la volontà di potenza, la smania di cogliere in fallo i subalterni, sfogare su di loro la corrente dell’odio. Usando la pistola per fermare la paura, che in guerra è contagiosa. Anche quando la paura è piuttosto istinto di conservazione.

Ma sempre codardia era per il panciuto colonnello, accovacciato dietro un grosso masso, che lanciava sassi contro chi si ritirava: “Vigliacchi! Cani! Andate avanti!”

Poi scaricò la pistola su quello che non voleva lasciare il riparo del masso accanto al suo. Il poveretto sgranò gli occhi e cadde riverso, dalla bocca fiotti di sangue.

Di cento che eravamo, solo in dieci arrivammo alla trincea nemica. Abbrutiti dall’alcol e dal sole implacabile, puntammo la baionetta sui tre nemici che, pallidi e disfatti, con occhi imploranti, si consegnarono prigionieri. Solo allora mi resi conto che tra loro o tra i cadaveri disseminati per terra avrei potuto trovare un mio paesano, un compagno di scuola. O addirittura mio fratello. E mi tremarono le gambe».

Più che attingere al pozzo profondo dei ricordi, il nonno sembrava inseguirne le schegge.

«Era arrivato altro “materiale umano” (così venivano definiti gli uomini) per rimpiazzare le perdite. Io ero andato col tenente a prelevarlo, ma di giorno era impossibile raggiungere la trincea senza essere visti dal pallone frenato e segnalati alle batterie di obici. Ci fermammo su un costone, all’ombra, aspettando le tenebre. Guardavo quelle pietre e mi pareva di amarle, perché ci nascondevano. E guardavo i nuovi arrivati, chiedendomi se avrei fatto in tempo a stringere amicizia con loro. Gli amici di guerra sono i più cari: con loro si rischia tutto, con loro si guarda in faccia la morte, con loro si guarda la vita bruciare come legna secca, con loro si diventa pazzi o stupidi.

Improvvisamente un gran fracasso: le granate cadevano su di noi. Le granate dei nostri!

Il telefonista chiamò per dire di aggiustare il tiro, ma il comando rispose che non era un errore: ce le lanciavano per spronarci a muoverci. Raggiunsi la trincea non senza forti perdite tra i potenziali nuovi amici. Abbattuti, oltre che dai nostri, dai fucili di precisione dei cecchini, che aggiustavano il tiro ogni qualche minuto e poi colpivano inesorabilmente il bersaglio».

Il nonno, con voce sempre più filiforme, parlava di come la maledetta guerra li avesse allenati alla rinuncia, allo spreco di vite umane e di mezzi. A liberarsi dell’amore, a seppellirlo. A diventare devastatori, incendiari. A uccidere e ridere, uccidere e cantare, uccidere e ballare. A fumare fino a intossicarsi, a bere fino a cadere nell’anestesia del sonno. Arrivando, di notte, a esporre una mano oltre la trincea per farla ferire dai franchi tiratori.

Il nonno, però, due dita le aveva già cedute alla sega elettrica, non poteva permettersi di sacrificarne altre. Aveva in testa un altro piano. Aspettavo sospesa che me lo rivelasse.

«Calzando la maschera anti gas, uscimmo all’aperto. Respiro faticoso, fronte grondante, senso di soffocamento, voglia di togliere il terribile attrezzo. Ma chi lo faceva cadeva rantolando, bava gialla alla bocca. Dal cielo una squadriglia di aeroplani scavò buche tra le doline e poi fuggì, inseguita dalle nuvolette bianche delle batterie contraeree. Gli uomini cadevano come birilli sotto i colpi nemici o amici. Chi non ci rimaneva si sottometteva al destino, ma sperava anche che non fosse arrivata la sua ora, che non sarebbe mai arrivata. Pensai che fosse il momento giusto per mettere in atto il mio piano: raggiunto di corsa il filo spinato, entrai nel varco aperto dalle pinze mandate avanti. Improvvisamente mi trovai di fronte una divisa sfatta e scucita, i pantaloni infangati. Dentro, un austriaco sulla quarantina o poco più. Assomigliava a mio padre, ma sembrava deciso a ingaggiare una lotta all’arma bianca. Anzi, corpo a corpo, attanagliandomi le reni. Mi misi sull’attenti, il fucile con la canna in direzione del piede. Volevo arrendermi, non ucciderlo. Ma nemmeno essere ucciso! A un tratto vidi il sangue uscire dal morso inferto alla mia mano, reagii trafiggendogli il collo con la baionetta. Il suo sangue sgorgava a fiotti e gli inzuppava la logora divisa. Lui si portò le mani alla gola, sembrava pregasse di lasciarlo vivere. Quell’uomo morente, così simile a mio padre, mi rinfacciava i Comandamenti: Onora il padre e Non ammazzare. Divenne l’immagine tremolante della mia impotenza, il presagio di quello che stava per accadermi: fare la sua stessa fine. Gettai lo schioppo a terra e tornai di corsa in trincea. Mi rifiutai di tornar fuori, quando il capitano me lo ordinò. Non ero più il ragazzino che si esaltava alla vista del sangue, se si pungeva o si tagliava, strizzando e poi tappando con le dita macchiate di rosso vivo quella che gli sembrava una goccia di linfa vitale, il dono di Dio e dei suoi genitori. Ora il sangue mi appariva il liquame di una morte inutile e improvvisa, che decimava uomini come mio padre e ragazzi ancora più giovani di me, li infilava nelle fosse comuni senza lacrime e conforto. Non volevo più vederlo, il sangue!

E’ ora di finirla con questa guerra di morti di fame contro morti di fame!” – gridai, imitato da due compagni che avevano cantato l’Internazionale durante la messa da campo. Il capitano era fuori di sé e i comandi decisero una punizione esemplare. Io e i due dell’Internazionale fummo processati per insubordinazione e codardia di fronte al nemico: morte per fucilazione fu la sentenza»

Il nonno si interruppe per guardare dalla finestra lo splendore sordo e lussuoso degli alberi pietrificati dal gelo. Un grande austero silenzio, fuori. Dentro, sembrava non voler più ricordare. Ma i ricordi tremavano nella sua testa, come se non riuscissero a liberarsi. Io invece bruciavo dalla voglia di sapere come se l’era cavata, dato che evidentemente non c’era stata esecuzione. Non era solo curiosità, era speranza di svelare l’enigma tra cuore e mente. Riaprì il diario e mi indicò, silente, l’ultima pagina. Lessi:

5 novembre 1918.

La vittoria, ieri, aveva la voce di mille campane a festa, anche se non sapevo chi avesse vinto. Io sarei stato comunque uno sconfitto, sia diventando italiano, sia rimanendo austriaco. Perché la guerra è un banchetto solo per pochi, e i poveri soldati, dell’una e dell’altra parte, sono sempre sconfitti. Il loro nemico parla la lingua di chi li comanda, ha la voce di chi li manda al macello.

Passammo due giorni in una stalla, dormendo sulla paglia, a pane e acqua, finché il cappellano venne ad avvisarci che si trattava dell’indomani. Volevamo confessarci? Gli altri due lo fecero, forse per scaramanzia, forse per non deludere il prete. Io mi rifiutai, non tanto perché ero diventato socialista o per imitare Cesare Battisti, quanto perché aveva un alito così cattivo da rivoltare lo stomaco.

Tutta colpa di nostra madre” – dissi, al prete e ai miei compagni di sventura.

Perché mai?” – rispose il prete, guardandomi come se fossi diventato matto.

Se ci avesse fatti femmine, invece che maschi, ora non ci troveremmo qui…”

Nessuno rise.

Ci lavammo e ci rasammo per bene, ci pettinammo l’un l’altro, con le mani, non avendo né pettine né specchio. Poi uscimmo. C’erano i nostri commilitoni, ma avevano fatto venire anche la gente del paese ad assistere alla dimostrazione di efficienza e determinazione nel punire i vili, i disubbidienti, i ribelli.

I dodici del plotone erano già tutti schierati davanti al muro di una stalla. Gli uomini impassibili e silenziosi, i volti delle donne pieni di astio e di pietà. L’ordine schioccò come una scudisciata. Il plotone puntò i fucili, le canne oscillarono, la sciabola si abbatté. Lo sparo. Una luce accecante. Intensa come la luce dell’universo. Che però non ci crollò addosso. Tutti e tre rimanemmo in piedi, come pini sferzati dal vento. Odore di deiezione umana fuoruscito dai pantaloni di qualcuno. Il capitano bestemmiò, perché nessuno aveva mirato giusto. Evidentemente tutti avevano scaricato a terra, o in aria, il fucile 91. Non sapendo di chi fosse quello caricato a salve. Allora tirò fuori la sua rivoltella e ce la puntò addosso. Qualcuno, però, sparò prima. E lui si accasciò come un sacco vuoto. Urlo alto delle donne, come tante partorienti, che si presero la faccia tra le mani. Poi, senza parlare, si fecero intorno e ci sospinsero in fuga, noi e quello che aveva centrato il bersaglio. Una ragazza ci accompagnò attraverso un tunnel di alberi fino a una grotta nascosta dai rovi: rimanemmo lì fino alla fine della maledetta guerra, mangiando fichi secchi e polenta dura, che donne misericordiose ci lasciavano sul ciglio del bosco.

Il nonno mi ascoltava leggere, la testa appoggiata allo schienale, gli occhi chiusi. Sembrava perso nei ricordi che per tanti anni aveva ricoperto con le ragnatele dell’oblio. Ma desto e attento, come se avesse aperto una porta chiusa. Quando terminai la lettura, alzò gli occhi e li pose sugli oggetti della stanza, uno per uno. Infine li rivolse a me e mi indicò il piccolo album di tela color topo, come fosse il corpo della sua memoria, le arterie delle mie radici.

La sua voce, rimasta per tanti anni muta tra i fogli del suo diario, ma non finita, uscì scura e profonda: “Scrivila tu questa storia di vita e di morte”.

MARIA ROSARIA PERILLI – LEI CHE NON ERA EBREA

Uno

C’è una donna. Anziana, seduta su un divano largo. Parla con voce tremula e rievoca il tempo. Il

tempo. Ogni anno, in questa giornata, accendo la TV e guardo e ascolto e spero. Numerosi 27

gennaio della “Memoria.”

La donna anziana continua a parlare e a ricordare. La sua voce è ancora più tremula.

Treni. Deportazioni. Campi. Forni. Olocausto. Stella. Ebrei.

Ritorno a letto senza neppure spogliarmi, togliere la cravatta, infilare il pigiama. Tra le coperte

sudo, sento le gocce scivolare sulla nuca. Fuori la neve, alta, e alla TV un uomo ora, un uomo con i

capelli rossi e le lacrime negli occhi. Occhi da animale in agonia. Il resto stranamente immobile,

come paralizzato e assente. Neppure un sussulto di singhiozzo. Dal polsino sbottonato intravedo il

numero tatuato. Ebreo. Anche lui.

La speranza muore mentre mi allungo verso il comodino, apro il cassetto, la afferro. Ricordo il

giorno in cui volevo strapparla, dividerla, fare a mille pezzi quella fronte alta, gli occhi azzurri, quel

mezzo sorriso, quel braccio forte teso su una spalla delicata, a stringere, circondare. Mano scura

sfiorata da capelli lunghi.

Ma non lo feci, non divisi e non strappai. Perchè, come mi disse Carl, solo così, guardandoli uno

accanto all’altra, io avrei potuto vedere la loro distanza, solo in quel braccio forte che stringeva,

circondava una spalla troppo delicata, io sarei riuscito a riconoscere la scena da teatro, la finzione

della vita. Solo in quei capelli lunghi a sfiorare la mano scura io avrei potuto ritrovare, così come mi

era stata raccontata, la storia di lei.

Di lei che non era ebrea.

Due

Neppure io sono ebreo e al campo di Flossenburg portavo il triangolo rosa cucito sulla divisa

a righe. Sai cosa significa? Significa omosessuale, gay. Una vittima tra le vittime senza voce e

senza giustizia. Senza interviste e senza libri da scrivere. Senza articoli sui giornali né pianti alla

televisione. E’ stato a Flossenburg che l’ho incontrata. Ero raggomitolato in terra, nella neve,

distrutto dalla purga, dalla castrazione. Lei camminava. Bellissima. I vestiti strappati, le gambe

scoperte, e tra le gambe scorreva il segno della violenza. Ce l’aveva anche tra i capelli, il segno

della violenza, sul viso, colloso e appiccicato. Le lacrime non riuscivano a scioglierlo, si

fermavano e si dipartivano per ricongiungersi sul mento come un fiume lento quando incontra

un’isola. Poi cadevano, le lacrime, cadevano nella neve e sui miei piedi coperti dalla neve. Mi ha

guardato, si è accovacciata accanto a me, si è passata neve sul volto e sulle gambe e tra i capelli

lunghi e dopo era pulita. Pulita ha iniziato ad accarezzarmi, mi ha trasportato al chiuso, lì dove

c’erano le grate e altri gemiti di dolore, e ha continuato ad accarezzarmi. Ore di carezze e voce.

Raccontava una storia. La sua storia.

Si chiamava Gretel, come la bambina della favola dei fratelli Grimm, era di Berlino. Ventotto

anni. Veniva da una famiglia benestante che l’aveva fatta studiare e vivere negli agi ma che, un

giorno, le aveva anche presentato un ragazzo nella veste di futuro marito. Questo ragazzo

indossava la divisa nazista. Occhi azzurri, capelli neri, fronte alta. Bello e affascinante, sotto tutti i

punti di vista. Però Gretel si era sentita morire. Il giorno del matrimonio, celebrato neanche tre

mesi dopo, aveva incontrato lo sguardo disperato di Gertrude, e quello sguardo, il vuoto intorno,

l’avevano accompagnata fino al letto nuziale.

Candida tra lenzuola candide, l’immagine di una Madonna seduta su trono dorato, quella del

Führer in posa, la divisa nazista gettata in terra, odore sgradevole e penetrante di whisky e

tabacco, l’assalto, il corpo ruvido affannato in movimenti rigidi e severi. Era finita presto, era

finita con una specie di lamento lungo e cupo mentre lei, la giovane Gretel, aveva voltato il capo,

spinto il collo verso il pavimento dalle mattonelle chiare per inondarlo di un vomito acido e

verdastro.

Gertrude andava a trovarla, di tanto in tanto, nella casa nuova ed elegante, le toccava il ventre

ingrossato e l’abbracciava, le asciugava le lacrime prima di asciugare le sue, le parlava del nuovo

lavoro, di quella tale amica, di quel tale amico, spariti senza lasciare traccia. Prima di andare via

si inginocchiava di fianco al letto, sulle stesse mattonelle chiare che Gretel una sera di molte

settimane prima aveva inondato con un vomito acido e verdastro, la invitava a fare lo stesso, a

inginocchiarsi con lei, e pregava. Erano preghiere strane, le preghiere di Gertrude. Erano poesie.

Parlavano di prati e amore, di addii e delusioni. Di futuro e pace. Spesso, di libertà.

La salutava con un bacio, un bacio sempre diverso. Sulla tempia o sulla base del collo, nell’incavo

del seno o sulla bocca. Gretel sentiva la lingua morbida di lei, le mani sui fianchi asciutti, la

pancia piatta contro la sua gonfia di nuova vita, il profumo di fiori, e avrebbe voluto stringerla

forte, in quella stretta cancellare matrimonio e marito, i movimenti rigidi, la puzza delle sigarette e

del whisky, l’immagine della Madonna assisa su trono dorato, quella del Führer in posa; stringerla

e confondersi con lei, come il tempo senza pareti, il tempo fatto di lame di luce improvvise e guance

arrossate.

Era continuata così anche dopo la nascita di Hans, anche quando lui cresceva e si stupiva alle

mani intrecciate, alle poesie recitate con le ginocchia piegate sul pavimento dalle mattonelle

chiare. Al bacio, a quello avevano rinunciato, erano state costrette a rinunciare, ed era una tortura

doversi dire ciao con le labbra e ti amo con gli occhi.

Fino a un pomeriggio d’estate appena iniziata, con il sole che si infiltrava partecipe e silenzioso

dalla porta semiaperta. Quel pomeriggio Hans era dai nonni, e allora il bacio e altro ancora.

Ritorno del tempo senza pareti, fatto di lame di luce improvvise e guance arrossate.

Il pavimento dalle mattonelle chiare non vedeva inondarsi di vomito aspro e infinito, ma vedeva i

sorrisi e le parole complici, la simmetria di corpi profumati e movimenti morbidi. Vedeva, il

pavimento dalle mattonelle chiare vedeva tutto questo e vedeva una divisa, all’angolo della porta

semiaperta.”

A quel punto ero stato costretto a fermarlo, l’uomo che mi raccontava la storia. Avevo alzato il

braccio, e tremava, il mio braccio. Il caffè nella tazzina si gelava e la gente che affollava quel bar

del centro città mi appariva confusa, confusi i rumori e gli odori, le facce sfocate come in una

fotografia venuta male. Quella che avevo nel portafogli invece era venuta benissimo. La tirai fuori,

la tesi all’uomo coprendo col palmo la fronte alta, gli occhi azzurri, il mezzo sorriso, perché lei, lei

che non era ebrea, potesse esplodere nel ricordo. Annuì, iniziò a piangere di un pianto fermo, fatto

di molte lacrime e nessun singhiozzo. Un pianto dignitoso e vero. Sincero, anche. Pianse a lungo

mentre io osservavo la strada fuori dalla vetrata ampia senza riuscire a vedere niente, neanche i

lampioni accesi che mescolavano i colori di una notte appena iniziata. Ero ancora giovane, allora, e

vivevo solo, nella casa dalle mattonelle chiare e senza più l’immagine del Führer in posa. Mio

padre era morto da tempo.

Mio padre.

Gli aveva chiesto di salutare il bambino – almeno questo, ti prego, lascia che io lo abbracci per

l’ultima volta, non portarmi via prima del suo ritorno – ma lo strappo sulla spalla si era fatto più

forte, poi un foglietto, bianco, lui che le diceva di lasciargli due righi e di ringraziare Iddio per il

fatto di essere sua moglie. Gertrude al centro del letto, ferma, nuda, con le braccia intorno alle

ginocchia. Si mosse dopo, solo quando le mani del marito della donna che amava, riamata,

entrarono tra i capelli corti, quando dalla bocca uscì la parola lesbica, lesbica schifosa, adesso la

vedrai, la vedrete entrambe.

Il foglietto di saluto scivolò in terra, sul pavimento dalle mattonelle chiare. Era una poesia, era una

poesia il saluto di quella madre. Ed era una poesia bellissima.”

Quando sarò partita piangerai.

Alta la testa e il viso indifferente,

Riderai forte, riderai sovente;

Ma la mia voce non soffocherai

Che in fondo al cuor ti suonerà fremente

No! la mia voce non la scorderai.

Quando sarò partita, studierai

Chino sovra i tuoi libri attentamente;

Ma ti starò dinanzi sorridente,

Ed echeggiar nel vuoto core udrai

Il suon del riso mio, lieto, insistente.

Il mio sorriso non lo scorderai.

Quando sarò partita, ingrasserai;

Mangerai bene; e pacificamente

La notte dormirai. Ma, in sogno, ardente

Sul viso il soffio mio ti sentirai,

E i baci miei ti renderan demente;

Le mie carezze non le scorderai.

Li recitai d’un fiato quei versi, e adesso ero io, a piangere. Con i singhiozzi e senza nessuna dignità,

senza curarmi della gente che vedevo sfocata ma c’era, c’era e mi sentiva, sentiva la poesia e i

singhiozzi, osservava incuriosita le spalle sussultare e le mani strette sulla fotografia.

Annie Vivanti. Quando sarò partita.

Ecco cosa mi era rimasto, di lei. Di lei che non era ebrea.

Le avevano separate. Gretel era stata deportata a Flossemburg. Triangolo nero cucito sulla

divisa a strisce, quello riservato agli asociali, non alle lesbiche. Per le lesbiche nessun segno di

riconoscimento specifico, le facevano lavorare nei bordelli di campo con la convinzione che questo

potesse riportarle sulla retta via. La retta via, capisci? Anche Gretel fu costretta a subire la carica

di uomini sudici e violenti, a ritrovarseli addosso a tutte le ore, sporcarla delle loro voglie corpose,

segnarla con schiaffi e insulti.

Quella notte parlò di tutto questo e ormai le lacrime scivolavano sul viso ripulito dalla neve

senza incontrare ostacoli. Non piangeva per gli uomini sudici, disse, piangeva per Gertrude di cui

non sapeva più nulla e che forse era morta, per se stessa, che andava a morire, per quel bambino

che aveva potuto salutare solo con una poesia. Che aveva negli occhi gli occhi di quel bambino,

così, nell’abbraccio del mattino, occhi ridenti d’infanzia, di gioia, dell’unica gioia pulita e piena di

libertà avuta nella vita. Volle una promessa: cercarlo, il suo bambino, quando fossi tornato a casa,

perché sicuramente io sarei tornato mentre lei no, no, erano passati sei mesi, tempo scaduto, ormai.

L’aspettava Auschwitz.

Cercarlo, trovarlo, consegnargli la verità sicuramente taciuta, o nascosta dietro una storia falsa,

di quelle che non fanno vergognare. Forse lui, con indosso la divisa nazista, gli aveva detto che era

partita per un viaggio, poi, quando sarebbe stato abbastanza grande, che era fuggita con un altro

uomo. Costringerlo ad odiarla. Odiare lei che lo amava e mai lo avrebbe lasciato. Mai.

La luna alta e tonda in cielo. Voce e carezze. Poi un silenzio. Lungo. Durò ore, quel silenzio, fino

all’alba, tagliata da un grido troppo vicino per disperdersi nel vento e troppo conosciuto per essere

ignorato. Allora ritornò la voce, una voce tiepida e distante quanto tiepido e distante poteva essere

il tempo felice.

Un’intera nottata

Buttato vicino

A un compagno

Massacrato

Con la bocca

Digrignata

Volta al plenilunio

Con la congestione

Delle sue mani

Penetrata

Nel mio silenzio

Ho scritto

Lettere piene d’amore.

Non sono mai stata

Tanto

Attaccata alla vita.

E’ di Giuseppe Ungaretti. Veglia, il suo titolo. Gli ultimi versi – non sono mai stata tanto

attaccata alla vita – trasformati al femminile, li ha declamati mentre una donna con la divisa

nazista la trascinava fuori. Io pensavo tante cose mentre la donna con la divisa nazista la

trascinava fuori. Pensavo che nel silenzio lungo seguito al racconto Gretel aveva scritto davvero

lettere d’amore. Lettere d’amore mute. Che mi aveva lasciato come aveva lasciato suo figlio, con

una poesia, e, forse, un po’ aveva amato quel compagno vegliato in una notte tra le tante notti di

dolore infinito. Che andava proprio a morire, a morire ad Auschwitz come tutte le lesbiche

trascorsi sei mesi nel bordello del campo costrette a sporcarsi delle voglie di uomini sudici e

violenti. E che proprio in quel momento, il momento in cui si va a morire, in cui si sa di andare a

morire, si è più che mai attaccati alla vita.”

Io stringevo la fotografia, guardavo la fronte alta di mio padre, gli occhi azzurri, i capelli scuri, il

braccio che circondava una spalla delicata. Quel padre che veramente, quella sera di troppi anni

prima, mentre io, bambino di nove anni, guardavo intorno angosciato e chiedevo di lei, mi aveva

detto che era partita per un lungo viaggio. Che era fuggita con un altro uomo, in seguito.

Sì, era riuscito a costringermi a odiarla. Perchè di mia madre rimaneva solo una foto sgualcita e una

poesia sul foglio bianco.

Non piangevo più, sentivo la rabbia percorrermi le vene, arrivare al cervello, lì battere con un

rumore denso quanto il vomito acido sul pavimento dalle mattonelle chiare.

Sono qui, per mantenere la promessa fatta in una notte di voce e carezze e raggio di luna

infiltrato tra le grate della sofferenza. A lungo ho sperato che non ce ne fosse bisogno, che lei fosse

tornata da te, che anche Gertrude fosse viva. Ma sono morte in un lager, in una morte silenziosa

che neanche oggi trova parola. Non trova parola la morte delle lesbiche e dei gay e dei down e

degli zingari e degli intellettuali e altri, tanti altri. Non ci sono giornate della “Memoria” per noi,

non possiamo dire dei triangoli rosa, neri, marroni, rossi, verdi. Quanti triangoli mai conosciuti,

caro Hans.

Ti risparmio la mia vita, in quel campo, dico solo che Gretel aveva ragione, ce l’ho fatta a

tornare. Però ho aspettato, aspettato che tu fossi abbastanza adulto per capire, ho seguito spesso i

tuoi movimenti. Non potevo rischiare di perderti e mancare a tua madre. Ti amava, tua madre, ed

era giusto che tu lo sapessi. Sapessi tutta la verità.”

Fu a quel punto che io cercai di dividere la foto, strappare l’immagine di quella fronte alta, gli occhi

azzurri, rendere monco il braccio teso su una spalla troppo delicata. Respiravo forte, avevo l’affanno

come se avessi corso, scosso da una strana elettricità che rendeva i miei movimenti pieni di scatti.

Dovevo fare una cosa importante. Mi sembrò, in quel momento, di non averne mai fatta una così

importante, mai, fino ad allora. Però, come spesso succede nei momenti cruciali della vita, fare

quella cosa importante non mi riusciva. Le mani scivolavano, non riuscivano a trattenere la presa,

ad afferrare con forza. E allora Carl appoggiò le sue, asciutte e fresche, sulle mie.

Conservala, lasciali vicini. Perchè solo così, guardandoli uno accanto all’altra, potrai vedere la

loro distanza, solo in quel braccio forte che stringe, circonda una spalla troppo delicata, riuscirai a

riconoscere la scena da teatro, la finzione della vita. Solo in quei capelli lunghi a sfiorare la mano

scura potrai ritrovare la storia di lei. Del matrimonio imposto e forzato, di un rapporto intenso e

nascosto. Ritroverai la crudeltà della guerra e degli uomini. Ritroverai le giornate della

Memoria” negate a chi non è permesso gridare la propria sofferenza. Ritroverai la tua nascita, il

tradimento di tuo padre, l’amore di tua madre.”

Tre

Alla TV tanti uomini, tante donne. Ebrei, a raccontare il calvario dello sterminio. Shoah. Giornata

della “Memoria” in cui nessuno ha ricordato i triangoli di vari colori, l’inferno che ha coinvolto

identità cancellate. Nessuno, neppure la giornalista pronta alle interviste.

Ora danno la pubblicità. Una bambina bionda e infarinata aiuta la madre a preparare una torta; un

ragazzo palestrato si lancia su un’auto in corsa.

Decido di alzarmi. Mia moglie starà per tornare dalla messa, mia figlia, mio genero e il mio

nipotino oggi verranno a pranzo. Non voglio che mi trovino così, incravattato a sudare tra le coltri.

Do un’ultima occhiata alla fotografia, prima di riporla, la fotografia sbiadita dei miei genitori

scattata ancora prima che io nascessi. E non ritrovo solo loro, non ci sono solo gli occhi azzurri e la

fronte alta e l’orrore; i capelli lunghi e l’amore di una madre. C’è anche l’immagine della Madonna

assisa su trono dorato, quella del Führer in posa, il pavimento chiaro. C’è la deportazione, il campo,

il bordello, gli uomini sudici e lo sterminio dei dimenticati. C’è Gertrude. C’è tutta la storia e c’è

Carl che quella storia mi ha raccontato.

Carl. Se n’era andato un pomeriggio d’autunno e prima di chiudere gli occhi mi aveva chiesto una

poesia. Guardandolo contavo gli istanti mancanti alla fine e mi sembravano pochi per dei versi

lunghi. Allora scelsi Erba, di Blaga Dimitrova. La recitai accarezzando i capelli bianchi, le guance

rugose.

Nessuna paura

che mi calpestino

calpestata, l’erba,

diventa un sentiero

Sorrise, Carl, e sospirò: “Grazie, Hans. Ho sentito le mani, ascoltato la voce di tua madre. Come

quella notte ferita. Di tua madre che non ha voce nelle voci della memoria. Morta ad Auschwitz il

Natale del 1942. Anche lei. Lei che non era ebrea.”

ROBERTA PIANTA – ORO ROSSO

Cinque del mattino, afa e silenzio hanno già preso possesso della campagna pugliese. Anwar è seduto in questo far west italiano di sole e polvere, e studia in silenzio la sua tazza di caffè.

È seduto sulla soglia della sua capanna.

Non è veramente sua, ma se la sente nel cuore quando, all’inizio di ogni stagione, vi torna e sa che la troverà vuota e sporca, e sa che vivrà mesi dentro quella sporcizia.

All’inizio destinava i primi giorni della stagione per spazzare e uccidere gli insetti, poi si è lasciato scivolare nella lenta indolenza di chi accetta che il mondo gli rotoli addosso come un’onda, che trascina detriti al passaggio e scuote il corpo, lasciandolo sporco e bagnato, ma intero.

Anwar è proprio così: sbatacchiato e polveroso, ma intero.

Ha 24 anni e coltiva pomodori fin da quando ne aveva 12 e, magrissimo e nero, correva su e giù tra i filari agli ordini della madre, per aiutare i fratelli e le sorelle più grandi impegnati nella raccolta, con l’ultimo fratello cucito sulle spalle, dentro lo scialle logoro di anni e vite precedenti, lo scialle che ha cullato tutti loro.

Era bella la loro terra, piccola e in leggero pendio, ma ricca e ordinata.

La madre aveva cominciato a coltivarla quando, con l’arrivo dell’ultimo figlio, il marito se n’era andato. La donna non aveva versato una lacrima, troppe erano le bocche da sfamare per sprecare tempo, ma ha iniziato a coltivare con i figli già cresciuti, ha comprato un banchetto sgangherato per il mercato, per vendere la sua verdura e i suoi pomodori.

La sua abilità era così grande che un giorno è arrivato il capo villaggio, il big man come lo chiamano al paese, per portare l’invito. Il big man si è presentato con il suo miglior costume di kente rosso e oro, con le braccia stese in avanti a reggere un piatto lucente. Davanti alla madre ha inclinato la testa leggermente, come un piccolo inchino. Anwar ricorda ancora con un sorriso la faccia della madre impietrita più per l’inchino del capo che per quel foglio di carta offertole sul piatto d’oro. L’invito dal Presidente è diventato subito leggenda per tutto il villaggio suscitando orgoglio e invidia tra chi, dovendo condividere la povertà con la madre, vedeva in quel foglio una separazione e un tradimento del povero verso il più povero.

Dieci donne da tutto il Ghana, donne imprenditrici di se stesse, donne di successo che hanno costruito il business dalla terra: dieci donne che hanno coltivato i pomodori per sfamare i figli, notte e giorno, facendone una leva di crescita del loro Paese: l’oro rosso del Ghana, quello sfruttabile da chi in Ghana è nato, non come quello vero, di oro, patrimonio indiscusso dell’occidente.

Il viaggio ad Accra della madre è durato cinque giorni, con il costume colorato avvolto in quattro panni per non sciupalo nella polvere.

Anwar ha accompagnato sua madre perché uomo (che «non è bene per una donna viaggiare sola»), e perché piccolo abbastanza da essere sostituito facilmente durante la raccolta.

Il Presidente l’invito l’ha spedito proprio per il periodo di impegno massimo per chi lavora con l’oro rosso: la raccolta dei pomodori deve essere fatta per bene e in fretta. Anwar ricorda di aver dubitato di Lui: «il Presidente lo sa come si coltiva il pomodoro?»

«Secondo me lui si, ma chi lo consiglia mica tanto, altrimenti non ci avrebbe chiesto di abbandonare tutto per questo viaggio senza fine. Povero Presidente. Almeno a noi ci lasciano fare e se facciamo bene ci guadagniamo»: la risposta della madre lo soddisfa e accetta di accompagnarla, non può lasciare solo il Presidente che si è mostrato così gentile.

Alla cerimonia Lui era vicinissimo alla madre e le ha anche stretto la mano, ha anche accennato ad un inchino prima di consegnare la medaglia ad una signora elegantissima che l’ha appuntata al petto delle nuove imprenditrici dell’oro rosso, le donne del nuovo Ghana libero.

Una cosa buona quel viaggio l’ha portata, dunque: una medaglia d’oro.

Se in un primo tempo hanno dovuto nasconderla con cura dagli occhi dei vicini e dalle mani degli invidiosi, poi quella medaglia è tornata utile, quando anche l’oro rosso ha cessato di essere disponibile agli abitanti del Ghana libero, diventando conquista dell’occidente più povero, quello escluso dall’oro vero, perché anche i ricchi dell’occidente non sono tutti ricchi allo stesso modo.

Una volta cresciuto Anwar è stato spedito a studiare a Navrongo, in città, coi soldi del pomodoro. I banchetti al mercato sono diventati tanti, la madre partecipa a più mercati contemporaneamente e ha mandato i figli più piccoli a scuola, «che i grandi ormai hanno passato il loro tempo e servono al mercato».

Anwar è in un istituto, studia e cerca di non litigare coi compagni che non sono ashanti come lui. Studia inglese e francese. Gli insegnano come poter diversificare le coltivazioni sulla terra di questa parte di mondo, impara a trattarla, a coltivarla, ad alimentarla perché ogni anno non manchino frutti. Alla fine degli anni di scuola Anwar torna a casa e trova la madre un po’ più grassa e, a guardare molto bene tra le pieghe del viso, un po’ più vecchia, me sempre in movimento, sempre pronta a urlare e rimbrottare. Di medaglie non ne sono arrivate più, ma ogni tanto arriva un giornalista a intervistarla, e lei chiede sempre un po’ di soldi, come una diva per un’esclusiva.

I soldi non sono per lei, il pomodoro e le altre coltivazioni rendono, i mercati aumentano, ormai devono usare lavoranti anche alle bancarelle, non solo nei campi. I soldi sono per il capo, il big man, perché aiuti chi ne ha bisogno, sistemi le strade del villaggio, tenga buoni i vicini gelosi. La madre infatti continua a comprare terreni, ma è rimasta a vivere coi figli nella vecchia casa del quartiere povero, la casa di sempre, quella abbandonata dal padre quando gli ultimi figli ancora non ne sapevano pronunciare il nome.

Anwar non sa perché non abbiano mai usato i soldi per una casa nuova, in un quartiere meno povero e più sicuro. Quando torna a casa e attraversa il suo quartiere impolverato nella divisa della scuola, sente le migliaia di occhi che lasciano le case e si avventano su di lui per sfamarsi. A volte il ragazzo pensa che la madre aspetti lì il ritorno del marito, attratto dalla fama regalata dai giornali.

Anwar sorride perché non pensa che il mondo sappia della madre, della medaglia e dei pomodori, anche se il Ghana è il paese più vicino al “centro” del mondo di qualsiasi altro.

Lui immagina suo padre libero per il mondo ricco, con le scarpe ai piedi tutti i giorni, non solo la domenica o a scuola, le mani senza i calli delle coltivazioni e la schiena dritta, lo immagina con il sorriso sempre aperto, nero, nerissimo, come solo sanno esserlo gli uomini del Ghana.

Magari è nella regione Centrale, seduto in un bar di Cape Coast con la pelle che profuma di tabacco o cacao.

Nell’estate del 2008, dunque, Anwar sta tornando a casa, è finito l’ultimo anno di scuola, la madre deciderà per l’università o il lavoro. Anwar vorrebbe studiare e introdurre nuovi metodi per aumentare e migliorare il raccolto, aiutare la madre esportando i loro prodotti.

Prima di tornare a casa si ferma al caffè in fondo alla via, come fanno i signori di città, vuol farsi vedere da tutti perché sa di essere cresciuto molto negli anni passati a scuola e vuole che i vicini sappiano che c’è un uomo in casa.

Al caffè, però, nessuno lo guarda, nessuno gli dice che è la foto sputata del padre, nessuno gli chiede quanto resterà e quanto manca a finire gli studi e se ha già la fidanzata. Tutti sono intenti a commentare la notizia: il Presidente aderisce alla politica di liberalizzazione del commercio, ha firmato accordi per l’esportazione libera, basta fondi pubblici a sostegno dell’economia interna: «le imprenditrici del Ghana hanno dimostrato la loro grandezza e hanno la forza per approfittare della globalizzazione: portate i nostri pomodori nei mercati dell’Africa».

Nessuna delle donne che hanno generato il business dell’agricoltura in Ghana è al caffè a commentare, sono tutte nei campi a controllare i braccianti o sui mercati a vendere.

I loro uomini sono lì: qualcuno piange miseria per i fondi pubblici che cesseranno, qualcuno fa eco alle pompose dichiarazioni sulla grandezza delle donne del Ghana, pochissimi riflettono sul fatto che si stanno firmando anche gli accordi economici fra gli Stati dell’Unione Europea, e si chiedono se anche le “donne” europee avranno piacere di portare le loro bancarelle in Ghana soffocando il mercato locale.

Anwar non tornerà più a scuola e venderà la sua uniforme prima della fine dell’estate.

Le donne del Ghana sono forti, ma prima che si organizzino per comprare insieme un camion e ingaggiare guidatori che portino i loro prodotti sui mercati del Togo o del Burkina Faso, le aziende Cinesi e Italiane sono sbarcate coi loro container di pelati in scatola sul mercato che era loro e poi non lo è stato più.

Non si vende più. I pomodori marciscono nelle bancarelle o sulle piante nel campo.

Qualcuno ha già venduto i terreni.

La madre cerca di tenere le donne ferme sull’idea di comperare il camion e sbarcare in Burkina Faso, ma è sempre più sola. Intanto il paese vicino si è organizzato con nuove coltivazioni e produzioni: i loro pomodori sono di qualità migliore, nessuna speranza per l’esportazione.

Le donne ghanesi devono cambiare tutto, non solo il commercio, ma anche la produzione, senza i soldi del governo, col mercato fermo ed i loro soldi investiti su un mercato che stava già invecchiando. Se ci sono voluti anni a far crescere il business, questo è imploso in pochi mesi, come una stella troppo vecchia e stanca. In un paese dove l’età media non arriva ai 22, anche il commercio e l’economia è morta giovane, in silenzio, mentre il Ghana importa navi intere di prodotti dall’estero.

Anche la famiglia di Anwar si sgretola. I fratelli e le sorelle se ne vanno in cerca di un futuro.

La madre, all’improvviso così vecchia da fare paura a se stessa, ha venduto la medaglia al costo dell’oro per aiutare Anwar, ultimo figlio abbastanza grande da spedire lontano alla ricerca di una nuova vita.

In Italia è arrivato su una barca, una di quelle piene di corpi maleodoranti e cattivi. Il ragazzo ha pagato di più ed è rimasto all’aperto, insieme a quelli meno neri di lui, perché il mondo è ovunque a piani e ai più neri tocca sempre il più basso, dove si muore meglio.

Ha fatto tanti lavori e incontrato tanti africani.

A nessuno ha mai raccontato della sua terra in Ghana, ormai preda di insetti e spazzatura. A nessuno ha mai detto che sa parlare quattro lingue e che sa tutto, assolutamente tutto, sul pomodoro.

Chi vuole nascondere i sentimenti e ammansire l’anima chiama “questione” ogni verità scomoda.

Così Anwar parte dalla questione del libero commercio, nel suo paese impoverito di tutto, attraversa la questione del Mediterraneo preda della disperazione di ogni latitudine, e arriva alla questione dei braccianti stagionali impiegati in nero nei campi del sud,

Non ci sono sabati, domeniche, Natale o Pasqua. In campagna non si pensa alle vacanze, si vive con il tempo della terra. Ci si alza alle cinque e si aspetta il capò, a inizio stagione, che forma le squadre per la raccolta. Anwar spera di essere nella squadra assegnata al campo più grande, perché così la stagione dura più a lungo e si guadagna qualcosa in più, che ancora c’è un fratello da crescere in Ghana.

È domenica nella capanna in Puglia e il caffè nella tazza di Anwar è finito, ma lui continua a rigirarla tra i pollici cercandone i fondi, là sul bordo sberciato. Ma questo caffè non lascia fondi, come questa campagna non lascia futuro.

Nella piana della Capitanata passano i camion sulle strade male asfaltate, sollevando nuvole di polvere. L’atmosfera da far west a poco a poco lascia spazio allo scenario africano: in fila indiana i lavoratori stagionali ghanesi, maliani, senegalesi escono dagli accampamenti e si avvicinano ai camion: così fa Anwar in mezzo tutti gli altri.

Nella corte della masseria i bianchi, mezzo pugliesi e mezzo napoletani, dividono le squadre. Ogni tanto un occhio disegna il profilo di Anwar e passa oltre. L’uomo è preoccupato. Quando rimane con i pochi che non sono stati mai assegnati comincia a pensare a quale sgarro ha mai potuto commettere per essere lasciato fuori, con i pomodori grossi e pesanti che hanno riempito i campi, tanto che persino le donne hanno trovato, tutte, un lavoro.

Poi lo chiama un capo squadra napoletano. Appena Anwar lo raggiunge, l’uomo lo scruta piano, in su e giù lungo il corpo muscoloso.

«Si sicurò ca’ ne capìsc e’ pummarole?»(1): la domanda del napoletano al capò pugliese va oltre la volontà di sapere se lui conosce i pomodori, ma vuole la certezza che Anwar sia affidabile, lavoratore, silenzioso, fedele. Il pugliese risponde appena col capo ed è fatta: Anwar avrà un ruolo diverso questa stagione, sempre coi pomodori sulla pelle, ma con la schiena dritta.

Il viaggio in camion è lungo e polveroso, i napoletani parlano, parlano tutto il tempo la loro lingua sinuosa, persino i loro discorsi di mazzette, pestaggi e puttane sembrano musica in quella lingua cantata.

Anwar è sempre arrivato lì su camion chiusi o nelle stivette delle barche, questa è la prima volta che si gode il percorso: lasciati alle spalle i pomodori, rosse promesse nei filari ordinati, trova chilometri di terra aspra e rossiccia, poca erba che annaspa per sopravvivere, piccoli muretti a secco per separare chissà quali proprietà, e ulivi ritorti e vecchi come Anwar non sa immaginare. Niente vive tanto nella sua terra come quelle piante aristocratiche che resistono con apparente facilità nel nulla. Poi ci sono le città sulle colline, arroccate che vien la paura di cadere dal letto nel nulla, città di cielo terso e pietra grigia sotto un sole di fuoco.

L’uomo chiude gli occhi per un attimo, un battito di cuore, e li riapre sul finire della Puglia, quando il terreno ha smesso il monocromo per dividersi in un patchwork di campi coltivati, il marrone viene dopo il verde, il rosso dei papaveri, il giallo dei girasoli, il nero dell’uva. Nessuno sta nei campi, sembra un popolo scomparso quello che popola questa terra, ben diversa dalla sua, corridoio di passaggio col Burkina Faso, dove in qualsiasi momento trovi catene di donne con le cercine in testa e i bambini appesi al seno.

Sente i napoletani ridere, un po’ nervosi: «Chistu nìoro cunosce sul e’ bananè, altrò ca’ e’ pummarole». «Qui succèd nu’ casinu, chistu nìoro arrovena tuttu, và ti ’cciabbìsa» (2).

È ormai passata l’ora di pranzo e Anwar pensa ai lavoratori chini nei campi, fermi per una pausa di acqua e pane. Lui, invece, sta attraversando una zona dove non si vive più per coltivare, ci sono colline, aria fina, alberi, sembra quasi montagna.

Poi arriva il mare e Napoli: la regina delle città del sud si dispiega davanti ad Anwar che per la prima volta ne vede il caos.

Arrivano a destinazione nel pomeriggio, ha mangiato un panino sul camion e non ha bevuto per paura di dover pisciare («quando ti trasportano non si fermano mai volentieri»).

L’aria non è più fine, puzza. Niente alberi o campi, ma cemento, strade asfaltate e fabbriche enormi. Il pomodoro viene versato in grandi torri, schiacciato, violentato, ridotto a nulla e infilato in una scatola. Anche qui ci sono squadre da fare, non per raccogliere, ma per buttare pomodori raccolti nelle cisterne di lavoro. Queste squadre sono nuove, vengono da tanti paesi diversi, pochi i neri, tanti dall’africa del nord. Bisogna capire come separare in fretta i pomodori buoni da quelli così così, da quelli scarsi, perché sulle scatole ci vanno etichette diverse. Bisogna capirlo in fretta perché la produzione è veloce.

Anwar deve saperlo fare e spiegarlo alle squadre. Poi deve controllare che le squadre lo facciano in fretta e bene.

Anwar è diventato un sovrintendente, uno che sa come si fa e lo insegna, in inglese, francese, hausa, italiano, a qualcuno anche nel magro arabo che ha imparato dal corano.

Questa stagione è la più felice da tanto tempo per Anwar, che non ricordava nemmeno più la soddisfazione di far bene qualcosa che ti piace tanto. Organizza, corre avanti e indietro, controlla e ricontrolla, parla con tutti, con ciascuno nella lingua più adatta, detta i tempi di lavoro e di riposo, fa distribuire il cibo e rimodella le squadre quando capisce le forze di ciascuno.

Ora sul viso i Anwar ciò che si nota non è il nero degli occhi, ma il bianco delle perle che la sua bocca scopre in un sorriso di soddisfazione.

I napoletani lo prendono in giro, e lui sorride. Il ragazzo sa che nelle maglie della incomprensione l’uomo infila sempre la paura e la violenza del rifiuto. I capò parlano napoletano e cominciano col dirsi che “chistu nìoro” parla lingue strane, «starà mica facendo una narcatàra (3)». Ma il boss ha soggiogato l’ignoranza con l’ingordigia e ha riconosciuto il valore di Anwar.

A fine stagione le scatole son pronte, si mettono nei container per la spedizione via mare.

Anwar li accompagna e aiuta a dirigere le fasi di carico.

Quando la nave salpa lo pagano: non ha mai visto tati soldi, chissà come sarà felice la madre, finalmente una nuova alba.

Gli hanno anche proposto di rimanere tutto l’anno: Anwar ride felice e, nell’illusione della meta raggiunta commette il suo errore chiedendo: «dove mandate il carico?».

«In Ghana, là comprano di tutto, quei mangia banane non hanno mai visto un pomodoro e si mangiano le scatole che gli mandiamo»: il boss è schietto e gli altri ridono della battuta.

Anwar perde in un sol fiato le perle dal sorriso, gli occhi si spengono.

Lì dunque comincia il fiume dell’oro rosso sfruttato dagli altri, e lui improvvisamente si sente uno degli “altri” e pensa ai suoi campi polverosi e abbandonati.

Getta le banconote in mare e le sta a guardare mentre piano piano galleggiano via da lui, misurando il tempo che il mare impiega ad inghiottirle.

Poi le segue.

Note

  1. «Sicuro che ne capisce di pomodori?»

  2. «Questo “negro” conosce solo le banane, altro che pomodori.»
    «Qui succede un casino, questo “negro” rovina tutto, vedi che succede.»

  3. Maleficio


		
Annunci

5 thoughts on “Testi inediti vincitori 2014

  1. […] Testi inediti vincitori 2014 […]

  2. ricmm2013 settembre 23, 2014 alle 10:17 pm Reply

    Complimenti a TUTTI I VINCITORI di vero cuore e SOPRATTUTTO complimenti a OUBLIETTE per le sue iniziative.

    • concorsogozzano settembre 24, 2014 alle 6:27 am Reply

      Non è una manifestazione organizzata da Oubliette ma dall’Associazione Culturale Concorso Guido Gozzano. Complimenti a tutti i vincitori!

  3. ricmm2013 novembre 9, 2014 alle 6:29 pm Reply

    Ma si può sapere chi sono i vincitori della Sez. A: libro edito di poesia in italiano? Ho partecipato al Concorso in oggetto, mandando 5 copie del mio libro “IL TEMPO DEL SILENZIO” Poesia Maria Teresa Manta Ed. Albatros e facendo tutto come da bando, ma poi non ho saputo più nulla .Dove posso andare a vedere CHI HA VINTO e quali SONO I FINALISTI? Grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

comebavadilumaca

Elena Zuccaccia

amerblog

Just another WordPress.com weblog

valentina di cesare

leggo e scrivo

nuovamente

giorno cancella giorno

Cantiere poesia

Scusateci per il disagio, stiamo sognando per voi

Io sono Elizabeth

Poesie & Racconti dell'Origine di Federica Galetto

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

Le parole e le cose

Letteratura e realtà

Poesia in Rete

I "Miei" Poeti Amati

il lunedì degli scrittori

dopo i poeti della domenica, viene il lunedì degli scrittori o gli scrittori del lunedì, ma anche poeti. ma morta lì. niente santi, né navigatori. cioè, quelli del web sì, intendevo navigatori...insomma, fate voi. questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7-3-2001. le immagini e video qui inserite sono nella maggior parte tratte da internet; se qualche immagine e video violasse i diritti d'autore, comunicatemelo in un commento alla predetta immagine.

404: file not found

Tutte le riviste felici si somigliano, ogni rivista infelice è infelice a modo suo.

La Balena Bianca

Rivista di Cultura Militante

Festival Itinerante Internazionale di Poesia&Musica "Acque di Acqua"

dal monte al fiume, dal mare al castello, alla radio, nel palazzo e nel parco, dall’osteria alla pieve, dal lago alla biblioteca, nella frasca e in museo, davanti a un battistero romano… verso la poesia con la carovana del verso…

Solo io e il silenzio

appunti disordinati di Morena Fanti

larosainpiu

LIT-TLE blog di Salvatore Sblando

Istanze & Fantasmi

poesie seminate, di Martina Campi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: